Il Portale Italiana racconta il Paese

Il MAECI punta a promuovere la creatività dello Stivale in modo integrato sfruttando i canali della Rete

L’home page del portale lanciato dalla Farnesina

“Il lancio di Italiana vuole valorizzare uno degli assi portanti del soft power, la cultura, quella che l’agenda 2030 individua come il quarto pilastro dello sviluppo sostenibile e lo fa attraverso una scommessa riassunta in tre parole: integrazione, rete e tecnologia”. Così Cecilia Piccioni, direttrice centrale per la Promozione della cultura e della lingua italiane nel mondo del Ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale (MAECI), presentando Italiana (italiana.esteri.it) il portale della Farnesina per la promozione della lingua, della cultura e della creatività italiana nel mondo. “Integrazione vuol dire promozione integrata dell’Italia a tutto tondo delle sue bellezze, delle sue storie, dei suoi valori, dei suoi territori, del saper vivere all’italiana – ha detto Piccioni –. Rete intesa come digitale, ma soprattutto come rete culturale della Farnesina, il portale è uno degli snodi che caratterizzano la rete culturale diffusa del Ministero degli Esteri, online e offline, con i suoi 82 Istituti Italiani di Cultura nel mondo e 128 Ambasciate”. E la tecnologia per dare un’immagine aggiornata e vitale del patrimonio con una narrativa al passo con i tempi. Il portale Italiana, infatti, si interfaccia due strumenti: il New italian books, il portale per la promozione dell’editoria italiana e ‘italiano’, la prima piattaforma di didattica online open source per gli Istituti Italiani di Cultura. Uno strumento rivoluzionario disponibile anche su app. Con Italiana la Farnesina vuole far entrare con un click chiunque lo voglia nella cultura italiana, stare al passo con i tempi per raccogliere le sfide che il nuovo mondo ci riserva”, ha concluso la direttrice.

 

Una vetrina straordinaria
Di “strumento innovativo per raccogliere e rendere visibile tutta l’attività della Farnesina per la promozione della cultura italiana nel mondo”, ha parlato il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, che ha ricordato essere questa una delle linee strategiche della politica estera, perché, ha detto, “la lingua e la cultura sono il veicolo attraverso cui passano i nostri valori e la nostra visione del mondo”. Di Maio ha poi ricordato che la Farnesina “ha lavorato per la ripartenza dell’Italia sotto il profilo economico e sociale, ma anche culturale. Con il Patto per l’export per le aziende, ma anche con lo stesso impegno e analoga determinazione lavorando con l’Italia della cultura e della creatività con i decreti Cura Italia e rilancio, abbiamo investito 15 milioni di euro”. A detta del ministro, il portale “è una vetrina straordinaria per la promozione integrata dell’Italia nel mondo ed è il frutto dello sforzo corale per rilanciare il Paese, sostenere l’industria dell’arte e della creatività e rispondere alla domanda di Italia nel mondo”. “Con Italiana accendiamo i riflettori su un’Italia nuova, senza retorica”, ha detto ancora il ministro, sottolineando che si tratta del “racconto dell’Italia di oggi, un Paese coraggioso e spesso migliore di come crede di essere, una grande potenza culturale. La Farnesina vuole raccontare un Paese dinamico, appassionato e creativo, sostenere l’arte e le industrie creative della cultura, accompagnare le aziende nel mondo e – ha concluso –, promuovere il talento italiano a livello globale.”

Un punto di riferimento
Va detto che l’iniziativa si propone come l’ideale sbocco del piano di promozione integrata ‘VivereALL’Italiana’, la strategia istituzionale di tutto il Sistema Paese lanciata dalla Farnesina, partendo dalla considerazione che l’Italia, all’estero, è un punto di riferimento per il suo patrimonio artistico e culturale, la creatività, innovazione e lo stile di vita. Cosa troveremo su Italiana?

Ecco alcuni esempi, nati dalla collaborazione con artisti, festival e partner culturali, tra gli eventi di lancio già disponibili online: i viaggi musicali di JazzLife con Umbria Jazz, le interviste di Ritratti di donne con il Premio Solinas, le performance di Vivere all’italiana sul palcoscenico e in musica (classica e Jazz), il documentario Testimoni dei Testimoni di Studio Azzurro, i podcast di Music & The Cities con Studio33…

Lo spazio dedicato ai “piccoli”
Nel progetto non mancano le sorprese anche per i più piccoli: nei prossimi mesi, infatti, il famoso topo giornalista Geronimo Stilton svelerà le “meraviglie” del Bel Paese ai bambini di tutto il mondo. Molti altri contenuti arriveranno a breve, a partire da quelli legati al 700° anniversario dalla morte di Dante Alighieri, ai 150 anni dalla nascita di Grazia Deledda, unica scrittrice italiana ad aver ricevuto un Nobel e al centenario della nascita di Leonardo Sciascia.

La piattaforma (in italiano e in inglese) è organizzata nelle tre macro-sezioni Cultura e creatività, Lingua e formazione e Opportunità. Impostato come un vero e proprio magazine, Italiana proporrà anche interviste, focus, approfondimenti. Prevede inoltre una newsletter periodica che informerà su tutte le novità, un canale Vimeo per i film, i documentari, le performance e gli altri contenuti video e audio originali e una presenza costante sui social network della Farnesina. Infine, Italiana è il canale per informarsi sulle attività della rete culturale della Farnesina e rimanere aggiornati sugli 82 Istituti Italiani di Cultura all’estero, le scuole di lingua italiana, i lettorati, le missioni archeologiche, le iniziative legate all’Unesco e i siti italiani Patrimonio dell’Umanità.

Facebook Commenti