Le foibe, l’esodo, la memoria, reperibile in formato digitale

Basta spedire una mail

“Venezia Giulia, Fiume, Dalmazia. Le foibe, l’esodo, la memoria – Saggi e documenti”, a cura di Amleto Ballarini, Giovanni Stelli, Marino Micich, Emiliano Loria, è ora a disposizione di chi è interessato a leggerlo anche in formato digitale. L’Associazione per la cultura fiumana, istriana e dalmata nel Lazio offre infatti il saggio storiografico pubblicato nel 2015 in formato pdf. Un libro eccellente per serietà della ricerca e competenze degli autori: 145 pagine da leggere per comprendere quanto è accaduto nella Venezia Giulia nel secondo dopoguerra, dal dramma dell’8 settembre all’occupazione jugoslava comunista. E Istria, Fiume. Zara, le ragioni di un esodo, le memorie e le storie di alcuni profughi.
Edito dall’Associazione con il patrocinio della Società di studi fiumani e della Regione Lazio, il volume è il risultato di un’esauriente e precisa ricerca documentaristica e testimoniale al tempo stesso, di una lucida analisi di eventi e antefatti, come pure del confronto di tesi diverse, con riferimenti alle varie interpretazioni storiografiche e a posizioni critiche autorevoli.

 

L’opera contiene saggi dei citati autori che affrontano e studiano in maniera documentata gli eccidi avvenuti nella Venezia Giulia e in Dalmazia e l’esodo dei giuliano-dalmati. L’Associazione per la cultura fiumana, istriana e dalmata nel Lazio ha voluto stampare quest’opera per “contribuire a far conoscere il cammino di sofferenza vissuto da un’intera comunità – come riportato nella quarta di copertina –, con grande dignità e consapevolezza, non per dividere, ma per ricostruire i ponti del dialogo e della civile convivenza tra i popoli delle due sponde adriatiche”.

In appendice una selezione di documenti dell’Archivio-Museo Storico di Fiume, una bibliografia sulla memoria dell’esodo e alcuni cenni bio-bibliografici sugli autori.

Un volume tutto da leggere e da conservare per sé e soprattutto per i giovani, perché conoscano e sappiano.

Il pdf può essere richiesto alla mail [email protected]

Facebook Commenti