Il contributo degli esuli per Fiume CEC 2020

La Società di Studi Fiumani ha pubblicato sul suo sito un progetto culturale

Foto d’archivio della visita di una delegazione fiumana alla Società di Studi Fiumani

A margine della presentazione del progetto Fiume Capitale europea della Cultura 2020, svoltasi giovedì presso Spazio Europa a Roma, alla presenza dell’Ambasciatore della Croazia in Italia, Jasen Mesić, del sindaco di Fiume, Vojko Obersnel, del segretario generale della Società di Studi Fiumani, Marino Micich, su delega del presidente Giovanni Stelli, e del neo presidente dell’Associazione Fiumani Italiani nel Mondo, Franco Papetti, i rappresentanti della Società di Studi Fiumani hanno pubblicato sul sito dell’organizzazione un progetto culturale aggiuntivo e autonomo per Fiume CEC 2020. L’obiettivo è arricchire il quadro culturale di Fiume con un contributo per una storia di Fiume riguardante in particolare la presenza culturale identitaria italiana.
Arricchimento culturale
La progettualità, finanziata con fondi governativi italiani e societari, consiste in un convegno di studi a Fiume nel mese di giugno 2020 sul tema “Fiumani italiani: dall’esilio al ritorno (1945-2020) – Una storia europea”, la presentazione dei documenti dannunziani conservati nell’Archivio Museo di Fiume a Roma (catalogo e storia, a cura di Emiliano Loria e Renato Atzeri), la ristampa del volume “Stradario di Fiume” di Massimo Superina, la pubblicazione dell’edizione aggiornata, a cura di Giovanni Stelli e Marino Micich, del libro “Dall’esilio al ritorno 1960–2020. Sessant’anni di attività culturale della Società di Studi Fiumani”. Previsto pure un numero speciale di “Fiume. Rivista di studi adriatici”, che uscirà nel corso del 2020, e l’allestimento della mostra, intitolata “Istruzione a Fiume”, di documenti scolastici del capoluogo quarnerino dal 1860 al 1947 conservati presso l’Archivio Museo storico di Fiume a Roma.
Traduzione croata
L’iniziativa promossa in collaborazione con la Scuola media superiore italiana di Fiume si terrà nel corso del 2020. In programma pure la presentazione della traduzione croata della “Storia di Fiume dalle origini ai nostri giorni” di Giovanni Stelli e un convegno promosso dal Dipartimento di Italianistica della Facoltà di Filosofia dell’Università di Fiume con la collaborazione della Società di Studi Fiumani sul tema “L’Italiano in Italia e fuori; il caso di Fiume”. Il Convegno si terrà in una data da stabilirsi nel corso del 2020.
L’obiettivo dei progetti promossi dalla Società di Studi Fiumani è di dare sempre più risalto proprio al dialogo culturale positivo tra le associazioni degli esuli fiumani e la Città di Fiume, per non lasciare solo spazio ai fatti storici controversi che devono essere studiati, ma non usati per dividere o impedire un dialogo tra popoli europei.

Facebook Commenti