HKD di Sušak: decine di appuntamenti entro la fine dell’anno

Liverić, Šarar e Todorović presentano il programma per gli ultimi quattro mesi del 2020

Ivan Šarar, Edvin Liverić e Jolanda Todorović hanno illustrato il ricco programma dell’HKD

“In un periodo d’instabilità e incertezza gli enti culturali hanno potuto fare due scelte: ridurre al massimo il numero di eventi sperando che l’emergenza rientri al più presto oppure organizzare quanti più incontri, nel rispetto delle misure epidemiologiche, consapevoli del fatto che da un momento all’altro la proclamazione di una nuova quarantena potrebbe portare alla cancellazione di tutto il programma. La Casa croata di cultura (HKD) di Sušak ha deciso coraggiosamente di dare il massimo e ha scelto la seconda strada, offrendo ancora una volta al pubblico fiumano un programma ricco e concentrato sugli artisti locali”. Con queste parole Ivan Šarar, capodipartimento della cultura della Città di Fiume, ha salutato il desiderio di mantenere viva la cultura in questa nuova normalità che tutto è fuorché normale.
Edvin Liverić, direttore dell’HKD, ha spiegato che ufficialmente la nuova stagione è stata aperta già alla fine di agosto alla Galleria Kortil con la mostra “La città e la trasformazione”, ma che sono molti gli eventi previsti per settembre, ma anche per novembre e dicembre e se Fiume dovesse mantenere il titolo di Capitale europea della Cultura fino ad aprile, persino gennaio.
Film, musica e arte

L’HKD ospiterà la quarta edizione dell’History Film Festival

La grande sala dell’HKD ospiterà dall’8 al 12 settembre la quarta edizione dell’History Film Festival, nel corso del quale si potranno vedere ben 21 titoli cinematografici, ma anche parlare con gli autori e assistere a lezioni e dibattiti. Un programma speciale, che fa parte pure di Fiume CEC 2020, verrà dedicato al centenario della nascita di Federico Fellini.
Il 15 settembre in Corso e Cittavecchia avrà luogo la performance Milk Voices con il gruppo di ballo En-Knap, il complesso Putokazi e il cantante Michael Schiefel. Seguirà, il 16 settembre, lo spettacolo “Escape Room”, inserito nel progetto Giroscopio, mentre il 19 settembre Lela Kaplowitz presenterà finalmente il suo nuovo album “To one”, uscito poco prima dello scoppio della pandemia.
Il 21 settembre Goran Vugrinec farà ridere il pubblico fiumano con la commedia stand-up “Dettagli”, mentre il 24 settembre andrà in scena lo spettacolo “Il quaderno di Robi K”, previsto già a marzo, ma rimandato a causa del virus.
Il 25 settembre il pubblico fiumano sarà il primo in Croazia a poter vedere lo spettacolo “Majstori” del teatro Moruzgva, il quale presenterà a ottobre la commedia ”Vla-vla-Vlajland”, un omaggio a Nela Eržišnik. Ci aspetta un autunno di risate e ottimismo sottoforma di tanti cabaret, tra cui la commedia “Disco Baba” di Arijana Čulina e “Pokopaj me nježno” (Seppelliscimi piano) del Teatro Kerekesh. Sul palcoscenico dell’HKD non saliranno soltanto attori e comici, ma pure i ballerini del gruppo di danza Chikaz e quelli dell’associazione artistica Krila.
Porto Etno quest’anno all’HKD
Dal 1.mo al 3 ottobre le minoranze linguistiche e nazionali che risiedono a Fiume presenteranno le proprie culture, gli usi e le pietanze al festival Porto Etno, che si terrà all’HKD e in futuro continuerà a venire sviluppato da questo ente. In seno al festival si avrà pure un concerto dell’ensémble LADO in versione elettronica e di Božo Vrećo.
Il mese di novembre, invece, sarà dedicato alla Rassegna dei teatri dei burattini, mentre questo sfortunato 2020 si chiuderà col concerto natalizio di Damir Kedžo. La direttrice della Galleria d’arte Kortil, Jolanda Todorović, ha spiegato che quest’anno la galleria presenterà tre produzioni autonome che daranno spazio agli artisti fiumani.

Facebook Commenti