«Carmina Burana». Musica inarrivabile

Al TNC «Ivan de Zajc» di Fiume si è esibito con la coreografia di Edward Clug il corpo di ballo del Teatro Nazionale Sloveno di Maribor

0
«Carmina Burana». Musica inarrivabile
Foto: IVOR HRELJANOVIĆ

Prosegue la collaborazione tra il Teatro Nazionale Croato “Ivan de Zajc” di Fiume e il Teatro Nazionale Sloveno di Maribor: questa volta, il pubblico fiumano ha avuto l’occasione di vedere il balletto “Carmina Burana”, con coreografie di Edward Clug e musiche dell’omonima cantata scenica di Carl Orff, una delle più celebri composizioni di musica classica del Novecento.

La maestosità della partitura
Il capolavoro del compositore tedesco indubbiamente rientra tra quelle composizioni amate da un pubblico ampio, apprezzate tanto da esperti del settore quanto da spettatori che per la prima volta si avvicinano alla musica classica e corale. È così che si spiega la grande affluenza del pubblico allo “Zajc”, composto da persone di tutte le generazioni desiderose di vedere in scena il “Carmina Burana” fatto danza. Tuttavia, è innegabile che il successo della serata – prova ne è il lungo applauso finale – è attribuibile in larga misura, se non addirittura esclusivamente, alla maestosità di una partitura musicale che, anche solamente trasmessa da amplificatori e non eseguita dal vivo, riesce a coinvolgere e produrre emozioni fortissime nell’ascoltatore. In questo senso, le danze ideate dal coreografo rumeno non arrivano neanche a sfiorare l’intensità e l’energia trasmessa dalla cantata di Orff. Durante tutta la durata dello spettacolo, e specialmente nella prima parte, le coreografie sembrano arrancare cercando di raggiungere la musica. Ruotando intorno a movimenti ripetitivi, che a momenti sprofondano nella banalità, il progetto coreografico di Clug non riesce a stabilire un legame emotivo con lo spettatore, né a stimolarne l’attenzione e l’interesse, finendo per appiattire la profondità della suspense che la cantata decisamente emana.

Mancanza di coordinazione
Il vigore del “Carmina Burana” di Carl Orff supera di gran lunga l’energia dei danzatori, la maggior parte dei quali offre una performance con pochissima espressività e troppi automatismi. L’effetto che i movimenti d’insieme sembrano voler provocare viene soffocato dalla mancanza di coordinazione e sintonia del corpo di ballo, la cui esibizione si presenta, di conseguenza, come una moltitudine di esibizioni individuali e accostate. È proprio questa assenza di armonia tra i danzatori che mette in risalto le lacune della coreografia. I costumi firmati da Leo Kulaš, dall’altro lato, non contribuiscono a esaltare i movimenti dei ballerini, accordandosi piuttosto alla spoglia scenografia – e alla generale penuria dell’intera produzione. L’aspetto più efficace dello spettacolo – oltre all’insuperata cantata di Orff –, purtroppo, è dato dall’unico elemento scenografico presente in scena, un’enorme circonferenza i cui spostamenti provocano delle interessanti modifiche nella percezione visiva dello spazio da parte dello spettatore. Nonostante le evidenti lacune, lo spettacolo è stato accolto con entusiasmo dal pubblico.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display