Al console Palminteri la cittadinanza onoraria

0
Al console Palminteri la cittadinanza onoraria

DIGNANO I consiglieri municipali hanno approvato all’unanimità la proposta del sindaco, Klaudio Vitasović, di conferire la cittadinanza onoraria al console generale d’Italia a Fiume, Paolo Palminteri, che ha definito come un amico sincero della Città di Dignano fin dall’assunzione dell’incarico, che risale al 2015, che in più occasioni ha avuto modo di esprimere il suo apprezzamento per il sostegno della Città alla Comunità Nazionale Italiana presente sul territorio, operante nell’ambito delle CI di Dignano e di Gallesano. “Il console Paolo Palminteri – si legge nella motivazione – si è distinto per il particolare attaccamento nei confronti della nostra Città, manifestatosi tramite la promozione dell’amicizia e della collaborazione in ambito locale, l’organizzazione di originali iniziative di carattere culturale ed enogastronomico, il sostegno costante e l’apprezzamento nei confronti della municipalità e delle Comunità degli Italiani operanti sul territorio“. Al console Palminteri la cittadinanza onoraria sarà conferita dal presidente del Consiglio cittadino, Corrado Ghiraldo, alla seduta solenne dell’organismo, che si svolgerà il 10 agosto nella sede del sodalizio dignanese nella ricorrenza della Giornata della Città. Sarà questa l’unica onorificenza che sarà assegnata per l’occasione, visto che quest’anno non è pervenuta nessun’altra candidatura ai premi e ai riconoscimenti cittadini.

Pianificazione ambientale
Per il resto nel corso dell’ultima seduta consiliare ampio spazio è stato riservato alla pianificazione ambientale, rispettivamente all’approvazione della quinta tornata di modifiche al Piano ambientale e dei Piani d’assetto urbanistico della zona turistica di Stanzia Baretini, di quella di Negrin (Negrè), del campo da golf, sempre a Negrin e di Barbariga, presentati dai rispettivi progettisti, che concedono nuove opportunità di sviluppo turistico nella fascia costiera e che abbiamo già avuto modo di illustrare ampiamente. Sempre in fatto di progettazione ambientale, approvata pure l’elaborazione del Piano d’assetto urbanistico delle zone turistiche a Salvela e a Baretini – Cornialosa. Sull’argomento il sindaco ha espresso grande soddisfazione per l’approvazione dei documenti, che spianano la strada a nuovi investimenti. “È inaccettabile che Dignano disponga di 9 chilometri di costa e nemmeno di un albergo, ad eccezione di quello di Peroi, che nemmeno si affaccia sul mare. “La Città vuole puntare sullo sviluppo turistico e vuole essere un buon partner ai futuri investitori; provvedere alla documentazione ambientale è certamente un passo importante in questa direzione“, ha rilevato il sindaco, anticipando che già in autunno si procederà alle modifiche e alle aggiunte al Piano ambientale anche in riferimento agli altri settori, e non solo quello turistico. “Laddove constateremo che in base alla documentazione vigente i progetti stentano a decollare – ha detto a chiare lettere Vitasović –, ne modificheremo la destinazione d’uso, in quanto la Città e il suo sviluppo non possono essere ostaggio di persone che hanno tutte le condizioni per realizzare vari progetti e non lo fanno“.

Assistenza a domicilio
Un punto a parte ha riguardato il Programma d’assistenza a domicilio, elaborato su iniziativa del Partito istriano dei pensionati dall’Istituto per lo sviluppo del mercato del lavoro, in collaborazione con la Croce rossa. Ospiti della seduta, quindi, la direttrice della Croce rossa polese, Jasna Vekić, l’ex consigliere cittadino, ora consigliere regionale, Zdenko Pliško e Lana Načinović, nel citato Istituto. Com’è stato spiegato, il Programma coinvolge le autonomie locali di tutto il Polese, eccezion fatta per la stessa Città di Pola, dove il servizio d’assistenza a domicilio degli anziani è già bell’e avviato. Ottenuti dalla Regione dei mezzi iniziali, si è cominciato con un sondaggio, che a Dignano ha coinvolto una trentina di persone anziane, che hanno segnalato le situazioni nelle quali avrebbero bisogno di aiuto. Stando alle previsioni, il servizio potrebbe entrare in funzione all’inizio dell’anno prossimo a favore di un determinato numero di fruitori, con l’impiego di due persone qualificate nell’assistenza degli anziani.
Bilancio semestrale
Approvati pure il resoconto sull’operato del sindaco nel primo semestre dell’anno e quello semestrale sulla realizzazione del bilancio cittadino, presentata da Roberto Jakovljević, dal quale emerge che nei primi sei mesi dell’anno la Città, assieme all’asilo d’infanzia “Petar Pan” e all’Università Popolare Aperta, in quanto fruitori di bilancio, hanno realizzato entrate pari a 19,2 milioni di kune, ossia circa il 30 p.c. di quanto pianificato per tutto l’arco dell’anno. Al contempo, la spesa complessiva si è assestata a 17,2 milioni, ossia il 27 p.c. di quanto preventivato per tutto il 2018.
Si è concluso con il benestare all’avvio di due importanti progetti a Peroi, che gli abitanti della località aspettano da tempo, ossia l’ampliamento della Casa sociale, che accoglierà nella nuova ala i Vigili del fuoco volontari, e la costruzione del nuovo asilo, con tre sezioni, di cui una del nido. Entrambi i progetti sono stati candidati alla Misura 7 del Programma governativo per lo sviluppo rurale.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display