«Valamar Parentino» accoglie i primi ospiti

L’albergo, realizzato nell’ambito di un ciclo di investimenti da 226,2 milioni di kune, darà impiego a circa 140 persone durante la stagione turistica

Il “Valamar Parentino Hotel”

Nel novembre del 2019 la ditta “Imperial Riviera”, gestita dal 2016 dall’azienda alberghiera “Valamar Riviera” e dal fondo pensionistico “Allianz ZB” di Zagabria, ha ampliato la sua attività a Parenzo acquistando l’ex albergo “Zagreb”, l’attuale “Valamar Parentino”. Allo stesso tempo, l’azienda ha avviato il suo maggiore ciclo di investimenti da 226,2 milioni di kune. Quello più importante è stato realizzato proprio con il “Valamar Parentino”, che nei giorni scorsi ha accolto i suoi primi ospiti. La struttura è stata ricostruita e alle precedenti 230 unità ricettive disponibili se ne sono aggiunte altre 99. Con 812 posti letto disponibili, senza contare quelli di supporto, l’albergo può ospitare più di un migliaio di turisti. Gran parte dei lavori, costati 113 milioni di kune, è stata concretizzata quest’anno.
L’opera di rinnovo ha interessato pure i servizi di supporto. I contenuti riservati all’infanzia, dal nome “Maro”, sono stati integrati con un nuovo parco giochi. Il complesso di piscine è stato ampliato: include una vasca per adulti e un’altra per i bambini, una terrazza con piscina di 200 metri quadrati e due scivoli. È stato edificato il nuovo “Oliva Grill Snack Bar”. Il ristorante principale è stato ampliato. Sono stati costruiti un palcoscenico per lo svolgimento dei programmi serali e una stazione di trasformazione dell’energia elettrica, ma sono stati pure introdotti nuovi sentieri pedonali e la capacità del parcheggio è stata aumentata. L’hotel darà impiego a circa 140 persone durante la stagione estiva. È principalmente destinato al turismo di tipo famigliare. Un’altra impresa è stata parzialmente realizzata a Macarsca (Makarska), dove è in corso la seconda fase di riallestimento del “Valamar Meteor Hotel”. Qui l’anno scorso sono state rinnovate 112 unità ricettive. Quest’anno l’intervento ha interessato le rimanenti 166 unità e varie altri parti dell’albergo. La temporanea sospensione dei lavori, dovuta all’introduzione delle misure tese a contenere la diffusione del coronavirus, ha rallentato la conclusione dei lavori, che proseguiranno al termine della stagione turistica. Vi è stata pure inaugurata la trattoria “La Pentola“, costata 4,7 milioni di kune. Il terzo progetto è stato realizzato al “Padova Premium Camping Resort” di Arbe, con lavori di un valore pari a 20,7 milioni di kune. Il costo complessivo degli interventi qui realizzati assomma a più di 60 milioni di kune, spese in un triennio. Quest’anno sono state rese disponibili 55 nuove case mobili e una zona è stata adattata ad area da campeggio di tipo premium. È stato rinnovato anche il parcheggio centrale, realizzato un nuovo campo sportivo multifunzionale ed è stato ristrutturato e ampliato lo spazio centrale dei servizi igienici. Sempre ad Arbe, al “San Marino Camping Resort” è stata allestita una nuova area capace di ospitare 20 case mobili.
“Questo è un anno specifico per il turismo croato e in particolare per gli investimenti avviati, perciò ogni nuovo progetto realizzato ha un valore speciale. A causa delle circostanze, abbiamo dovuto sospendere temporaneamente tutti gli investimenti, ma non ci siamo arresi e siamo riusciti a realizzare il 90 per cento dei progetti pianificati. Tutti questi investimenti aggiungono valore all’offerta turistica delle strutture dell’“Imperial Riviera” in tutte e tre le destinazioni turistiche”, ha sottolineato Vlado Miš, presidente del Consiglio d’Amministrazione dell’“Imperial Riviera”.

Facebook Commenti