Rovigno. Votata un’aggiunta di 35 milioni a copertura di nuovi progetti

Il Consiglio cittadino ha ritoccato in modo considerevole il Preventivo per l’anno in corso

0
Rovigno. Votata un’aggiunta di 35 milioni a copertura di nuovi progetti
Un intervento del sindaco Marko Paliaga durante la seduta del Consiglio cittadino di Rovigno. Foto: www.rovinj-rovigno.hr

Il Consiglio cittadino rovignese, ieri in seduta nella Casa di cultura della località, ha evaso un ordine del giorno di ben 26 punti, tra i quali le modifiche al Preventivo 2022. Con la manovra, il documento finanziario è stato portato a 279.545.135 kune. L’aumento corrisponde a 34.920.887 kune.

Novità nel Bilancio
Sono stati inseriti nel Preventivo due progetti capitali, ovvero la stesura del progetto del monumento ai difensori della Guerra patriottica (175mila kune) e quello per la costruzione del Centro per i giovani ‘’dr. ing. Dino Škrapić, MBA’’(4 milioni).
Alcune novità riguardano pure l’assessorato alle Attività sociali e fanno riferimento alla manutenzione del complesso delle piscine, per la qual cosa è previsto un esborso pari 329.463 kune e il finanziamento degli insegnanti di supporto nelle elementari del Rovignese nell’ambito del progetto ‘’Puna torba zajedništva’’ (Una cartella piena di collettività), nell’ammontare di 382.900 kune.
Tra le voci oggetto di modifica la manutenzione del patrimonio culturale, che verrà sostenuta con un’aggiunta di 330mila kune, mentre altre 550mila kune andranno ad aumentare la disponibilità per la terza fase della ricostruzione dell’edificio dell’orologio. E sempre parlando di disponibilità accresciuta, vanno citati 10.023.500 kune per il rinnovo di piazza Tito, 620mila kune per la ricostruzione del terzo campo di gioco ‘’Valbruna’’ e 9.150.000 kune per la costruzione della stazione autobus in località Concetta.
Intanto è stato votato il rendiconto semestrale del Preventivo 2022 della Città di Rovigno, così come i piani di lavoro e degli asili “Neven” e “Naridola” e il Programma di lavoro della Consulta dei giovani della Città per il 2023.

Interpellanze dei consiglieri
Andando un po’ a ritroso, nell’ora delle interpellanze è stato toccato il tema dell’edilizia agevolata. Il consigliere Goran Subotić ha chiesto lumi sull’eventualità di proseguire con il progetto, una volta concluso il primo ciclo delle iniziative attualmente in corso, riferendosi alla possibilità di garantire il terreno necessario.
Il sindaco Marko Paliaga ha affermato che il piano è quello di proseguire con la tipologia d’investimento nell’edilizia abitativa, poiché i costi di tali appartamenti sono di gran lunga inferiori a quelli di mercato. “Con le sovvenzioni assicurate dalla Città per la realizzazione di questo ciclo d’edilizia sono state messe a disposizione due lotti accanto agli edifici POS esistenti; di questi giorni sarà messo in consultazione il Piano urbanistico Stanga con il quale provvederemo a migliorare e aumentare l’edificabilità delle due particelle in parola. In pratica verrà aumentato il numero degli appartamenti che vi si potranno edificare”, ha detto il sindaco.
Il consigliere Marija Blažina ha chiesto se la Città abbia in piano l’elaborazione di progetti per preparare l’infrastruttura all’uso di fonti d’energia rinnovabili.
“Nell’ambito dell’elaborazione della Strategia di sviluppo dell’infrastruttura verde, che prevede tra l’altro l’uso di fonti rinnovabili d’energia, intendiamo introdurre la condizione di prevedere un’autonomia energetica per le nuove costruzioni nel comprensorio cittadino – ha risposto il sindaco Paliaga –. Attualmente stiamo portando a conclusione il progetto d’introduzione dell’illuminazione pubblica più economica e in questo senso abbiamo sostituito 2.300 lampadine. Siamo in attesa del benestare dell’Ente elettroenergetico HEP per installare un mini impianto fotovoltaico sull’edificio dell’elementare “Juraj Dobrila e l’anno prossimo inizieremo con la progettazione e l’ottenimento del permesso per un impianto fotovoltaico sulla palestra di Valbruna. So che anche il Servizio comunale vorrebbe usare parte del deposito di Laco Vidotto per la costruzione di un impianto fotovoltaico di 1,2 MW”.
Il consigliere Tea Batel ha chiesto informazioni sugli spazi per l’Associazione delle persone portatrici di handicap, considerando i piani di trasloco della stessa in via Zagabria.
“Siamo in contatto con l’Associazione e lavoriamo assieme alla soluzione di problemi di vario ordine; uno riguarda appunto gli spazi per l’attività. Abbiamo cercato di risolvere la questione in modo da assegnare l’edificio al numero 10 di via Zagabria al Ministero degli Interni e potere proseguire come previsto dall’Accordo firmato con la Regione istriana e detto Ministero. A oggi non abbiamo alcuna informazione in merito”, ha detto il sindaco. Edita Sošić Blažević, assessore alle Attività sociali, ha specificato che l’Associazione attualmente fa uso degli spazi al pianoterra della Casa della salute, per la qual cosa la Città si fa carico delle spese d’affitto. Alla Casa della salute sono stati chiesti in uso ulteriori 80 metri quadrati”, ha spiegato il sindaco.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display