Marinko Ivanković: «130 anni? Niente male»

Marinko Ivanković con la sua NSU tappezzata con le copie del nostro quotidiano

Dopo che poche settimane si era fatta ammirare nel corso del rally Halubje-Liburnija, per quella singolare scelta di venire tappezzata con le copie del nostro quotidiano, ora la Prinz NSU è pronta a concedere il bis. Questa splendida auto d’epoca “griffata” la Voce, è scesa  in pista (anzi, in strada), stavolta in occasione di un altro rally pazzo e mascherato come il celebre Pariz-Bakar. Il proprietario di questo autentico gioiello classe 1969, Marinko Ivanković, è un grande aficionado sia del Carnevale che delle gare automobilistiche e oggi alle 10 puntuale ha partecipato alla 29ª edizione del rally, scattato in prossimità dell’ex pizzeria Pariz a Crimea, per concludersi nel pomeriggio a Buccari.
“La passione per questi tipi di rally è nata per caso una ventina di anni fa grazie ad alcuni amici e alla mia ex moglie i quali adorano il Carnevale – racconta Marinko mentre è impegnato a lucidare la sua Prinz –. L’avevo presa nel 1989 e con lei sono stato dappertutto, pure in guerra. Ecco perché sono particolarmente legato a essa, cercando di mantenerla ancora in buone condizioni”.
Basta soltanto la sua presenza per suscitare curiosità e ammirazione agli appassionati di auto d’epoca e non, ma se poi si ritrova a indossare un “vestito” speciale fatto di giornali, ecco che diventa la star assoluta. Ma soprattutto, la domanda delle domande è: come mai rendere omaggio proprio alla nostra cara Voce?
“L’idea mi è venuta quando ho saputo che il giornale compiva 130 anni dalla fondazione. Un traguardo davvero niente male. Inoltre, qualche anno fa un vostro collega aveva fatto un servizio sulla mia Prinz, perciò mi sentivo in dovere di ricambiare in qualche maniera. È difficile avere ogni anno idee originali su come ‘conciare’ la propria auto, io però cerco sempre di farmele venire. E credo che tappezzare la Prinz con vecchie copie del giornale sia una gran bella trovata, tant’è che già diverse persone mi hanno fermato chiedendomi il perché di questa scelta. Senza dimenticare che l’equipaggio indosserà pure magliette e berretti gentilmente forniti dall’Edit”, conclude Marinko.
E chissà che questa trovata non gli porti pure fortuna. Anche se, a dire il vero, non ne ha di certo bisogno dal momento che in 20 anni di partecipazione alla Pariz-Bakar si è portato a casa diversi riconoscimenti tra vittorie della classifica generale, premi nelle prove speciali di abilità e per la miglior auto mascherata. Se poi oggi dovesse conquistarne un altro, noi sapremo che una piccola parte del merito è anche nostra. Non resta che quindi che ringraziarlo e fagli l’in bocca al lupo. E poi diciamocelo, un po’ di pubblicità gratuita va sempre bene…

Facebook Commenti