Autobus e treni: corse agevolate

Il biglietto week-end permetterà risparmi a famiglie e comitive sino a 5 o 10 persone

Il Ministero delle Infrastrutture ha intrapreso una campagna per incoraggiare gli utenti a usare maggiormente i mezzi di trasporto pubblici. Tra le novità per le famiglie e le comitive viene introdotto il “biglietto week-end” che consentirà ai nuclei familiari o a gruppi di passeggeri per un massimo di 5 rispettivamente di 10 persone, delle quali faccia parte almeno un bambino di età inferiore ai 14 anni, un numero illimitato di viaggi in autobus sulle linee interurbane o in treno il sabato, la domenica e i festivi per la durata di quattro giorni consecutivi. Il prezzo del biglietto è di 15 euro sino a cinque persone e 30 euro per quelli sino a 10 persone. Ulteriori riduzioni sono state introdotte nei fine settimana e nelle giornate festive per i viaggiatori, con durata a tutto giugno 2022, con sconti anche del 75 per cento sui biglietti dei bus interurbani e del trasporto ferroviario nazionale. I vantaggi, che saranno validi fino a tale data, vengono introdotti al fine di promuovere il settore sia come una delle forme di mobilità sostenibili sia per contribuire alla ripartenza dopo l’epidemia di Covid-19. Nella nota diramata dal Ministero delle Infrastrutture s’invitano tutti i viaggiatori, in particolare le famiglie e le comitive che solitamente si spostano in macchina, a usufruire dei mezzi pubblici in questione a tali condizioni particolarmente favorevoli.

A seconda della risposta degli utenti, si procederà con l’introduzione permanente di sconti e agevolazioni. Sempre da quanto rilevato dai responsabili del Ministero delle Infrastrutture, nel nuovo anno scolastico sarà introdotta pure una semplificazione del sistema dei biglietti agevolati per alunni, studenti e partecipanti all’istruzione degli adulti. Tutti i tagliandi relazionali agevolati saranno sostituiti da un biglietto unico, che sarà valido tutto l’anno per un numero illimitato di viaggi sull’intero territorio della Repubblica di Slovenia al prezzo di 25 euro mensili. Tale novità, inoltre, consentirà non soltanto di spostarsi da casa al luogo di istruzione e fare ritorno, ma anche di viaggiare nel tempo libero in tutto il Paese. Lo scopo della promozione è incentivare il trasporto pubblico per le fasce d’età più giovani e mantenere le loro abitudini di viaggio anche dopo la fine del processo educativo. In questo modo, il Ministero delle Infrastrutture s’impegna a limitare il traffico motorizzato personale, nonché a contribuire al raggiungimento degli obiettivi di riduzione degli impatti negativi del traffico sull’ambiente e sul clima.

Facebook Commenti