Tutt’altro che Eclissi. Buon compleanno Dramma Italiano! (foto)

Il Dramma Italiano ha compiuto oggi, venerdì 26 novembre, 75 anni e ha celebrato i suoi primi tre quarti di secolo con un programma che si è rivolto a coloro i quali garantiranno la sua esistenza anche in futuro: i bambini. Al TNC “Ivan de Zajc” ha debuttato il progetto “Eclissi” dell’autore e regista Nenad Pavlović, uno spettacolo non verbale che, però, ha parlato ai cuori di tutti i bambini presenti. A introdurlo è stato Stefano Surian nei panni del Bruco simpatico, ma imbranato di “Anche le pulci hanno la tosse”. Il Bruco ha dato il benvenuto a tutti gli spettatori sia in italiano che in croato e ha rassicurato coloro che non capiscono l’italiano, spiegando che si tratta, appunto, di uno spettacolo non verbale e quindi senza testo. “È una follia fare uno spettacolo senza testo!” ha gridato facendo ridere i bambini, ma ha anche confidato loro che gli attori non sono veramente muti, stanno facendo solo finta. In conclusione della divertente introduzione il Bruco ha intonato un “Tanti auguri” al quale gli hanno fatto eco i bambini, sicuramente uno degli auguri più belli e più sinceri che siano stati fatti al nostro Dramma Italiano.

La proiezione del documentario

L’evento di celebrazione è stato avviato con la prima di “Eclissi” , a cui è seguita la proiezione del documentario “VOCI – passato, presente e futuro del Dramma Italiano di Fiume”. Realizzato da Chiara Boscaro e Marco Di Stefano del gruppo artistico “La Confraternita del Chianti”, a cui si è unito Antonio Simone Giansanti, il film illustra minuziosamente la lunga storia del DI – la cui istituzione precede persino la fondazione del primo teatro stabile in Italia, il Piccolo Teatro di Milano, inaugurato da Giorgio Strehler e Paolo Grassi nel maggio del 1947 – a partire da materiali d’archivio e testimonianze di membri e collaboratori della compagnia. Il film è stato prodotto dal DI con il supporto dell’Unione Italiana, ed è stato realizzato con il supporto dell’Associazione Interdiciplinare delle Arti.
La proiezione del docufilm è stata introdotta dai saluti iniziali del direttore del DI, Giulio Settimo, e del sovrintendente “Zajc”, Marin Blažević, mentre a esprimere il proprio sostegno all’iniziativa sono stati anche Sandra Krpan, vicesindaco di Fiume; Marina Medarić, vicepresidente della Regione litoraneo-montana; Marin Corva, presidente della Giunta Esecutiva dell’UI; Stanko Baluha, direttore dell’Ufficio per la nazionalità del Governo sloveno; Davide Bradanini, Console Generale d’Italia a Fiume; Furio Radin, deputato della CNI e vicepresidente del Sabor; e Nina Obuljen Koržinek, ministro della Cultura e dei Media della Croazia. Il programma della serata è terminato con un rinfresco offerto da “Eccellenza Excellency”, nell’ambito della manifestazione della Settimana della Cucina Italiana nel Mondo, promossa dal Consolato Generale d’Italia a Fiume.

Il servizio completo sulla Voce in edicola sabato 27 novembre, o in formato digitale. Clicca qui e abbonati.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.