Mondiali 2022. Grinta Dalić: «Volevano cacciarmi, invece…»

0
Mondiali 2022. Grinta Dalić: «Volevano cacciarmi, invece…»

Già a caldo, dopo l’incredibile vittoria sul Brasile nei quarti di finale del Mondiale, si era tolto qualche sassolino dalla scarpa. Il giorno dopo, a mente fredda, il commissario tecnico della Croazia, Zlatko Dalić, si è ripreso la rivincita totale. “Non dimentico tutti quelli che volevano mandarmi a casa”. Chiaro il riferimento soprattutto a una parte della stampa, ma anche a diversi esperti del settore che gli imputavano di non aver dato un gioco riconoscibile alla nazionale. “Ma io sono per la seconda volta consecutiva in semifinale”, ha tuonato Dalić.

Poche parole sul Brasile: “Ci ho creduto sempre, anche dopo il gol di Neymar al 105′. Il nostro segreto è stata la disciplina”. Ma martedì 13 dicembre (ore 20) dall’altra parte c’è la Pulce. “Messi è un genio del calcio e non può essere fermato con una marcatura a uomo, bensì con un gioco corale e attento”, ha sottolineato il tecnico di Livno (Bosnia ed Erzegovina). L’Albiceleste è “una fortissima nazionale, che ha dimostrato di non morire mai, nemmeno dopo il Ko nella gara inaugurale e tantomeno dopo esser stata agganciata dall’Olanda al 10′ di recupero. Inoltre, possono contare su un’armata di tifosi che ha raggiunto il Qatar… Sarà una bella battaglia, ma noi vogliamo andare in finale”, ha chiosato Dalić.

Tutti i diritti riservati. La riproduzione, anche parziale, è possibile soltanto dietro autorizzazione dell’editore.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display