Litorale sloveno. La stagione turistica promette più che bene

Nel fine settimana le capacità ricettive degli alberghi nell’area costiera sono andate praticamente esaurite

Spiaggia e strutture ricettive a Portorose

Con l’avvio della stagione turistica, le strutture ricettive istriane stanno registrando il pienone. A Portorose nel fine settimana gli alberghi aperti sono stati completamente occupati come pure il “Delfin” di Isola, mentre a Capodistria il “Grand Hotel Koper” ha notificato un 90 per cento. Da quanto rilevato degli operatori del settore le prospettive per il proseguimento dell’estate sono più che incoraggianti. Sulla riviera di Portorose e Pirano la stragrande maggioranza degli ospiti, grazie ancora ai buoni turistici, era composta da quelli nazionali, seguiti dagli austriaci, mentre si registra un aumento degli ungheresi, in attesa dei vacanzieri italiani. A giugno di quest’anno le due località hanno generato il 50 per cento in più di pernottamenti rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, per ovvie ragioni legate al Covid, con il 70 p.c. di ospiti nostrani, mentre negli anni “normali” il rapporto era praticamente inverso, il 70 per cento dei soggiorni era costituito dagli stranieri. A Portorose auspicano di raggiungere quest’anno almeno l’80% dei pernottamenti dell’anno record 2019, quando raggiunsero oltre 1,8 milioni di sistemazioni. Anche a Isola sono soddisfatti con i dati ricettivi del fine settimana. Secondo l’Associazione turistica locale all’albergo “Marina” l’occupazione è stata dell’84% e sarebbe stata ancora maggiore senza restrizioni.

Tutto esaurito al “Delfin” di Isola

Gli ospiti erano per lo più sloveni e un quarto era costituito dai visitatori austriaci. Buone anche le previsioni per i prossimi due mesi in quanto in base alle prenotazioni luglio è occupato per tre quarti della capienza e agosto già oltre la metà. L’hotel “Delfin”, intanto, registra il pienone ed è già prenotato sino a metà dicembre con assoluta prevalenza di ospiti sloveni. Al “Belvedere Resort Hotels” attualmente il tasso di occupazione è medio e riportano per luglio circa il 62% e il 57% per agosto. Lo scorso fine settimana l’occupazione era del 70% ovvero 90% calcolando le restrizioni, con tre quarti di ospiti nostrani e i numeri sono simili a quelli dell’anno scorso, segnalano dall’Associazione turistica. A Capodistria il “Grand Hotel Koper”, di recente riapertura dopo la ristrutturazione, ha attualmente un tasso di occupazione del 90%, con una netta predominanza di vacanzieri sloveni. L’albergo “Vodišek”, invece, al momento è occupato per metà, ma molte prenotazioni giungono all’ultimo momento, per cui prevedono che nei prossimi giorni le strutture saranno maggiormente riempite. Il 70% di ospiti sono sloveni hanno riferito dall’Ente pubblico per i giovani, la cultura e il turismo di Capodistria.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.