Il «gioco della risata» per proteggere la figlia dagli orrori della guerra (video)

Vi ricordate Roberto Benigni nel mitico film “La vita è bella“, in cui si inventa un gioco all’interno di un campo di concentramento per far dimenticare al figlio Giuseppe tutta la crudeltà del luogo in cui sono stati deportati? Una simile idea è venuta anche ad Abdullah Al-Mohammad, un padre siriano per proteggere la figlia di 3 anni dagli orrori dei combattimenti in Siria. E ora il video del “gioco della risata” è diventato virale.
“È un aereo o una bomba?”, chiede il padre alla figlia. “Bomba”, risponde Salwa. Poi scoppia una risata. La bambina, infatti, crede che ogni deflagrazione sia in realtà un fuoco d’artificio: la realtà, purtroppo, è ben altra.
La famiglia di Abdullah è stata costretta a fuggire verso est dalla città di Saraqib, vicino Idlib, nel nord dello Stato. Abdullah ha raccontato alla stampa locale che Salwa “è solo una bambina, non comprende la guerra”. Per questo motivo ha deciso “di insegnarle questo gioco per evitare che il suo equilibrio psicologico collassi. In modo che non si ammali di paura”.

Facebook Commenti