Croazia. Il Covid non si ferma: crescono ricoveri e intensive

L'eliporto dell'ospedale di Ragusa (Dubrovnik)

Non accenna a fermarsi la corsa del Covid in Croazia. La quarta ondata sta colpendo  duramente il Paese, in cui oltre la metà della popolazione non è vaccinata. Perciò, non sorprende il fatto che anche oggi, sabato 9 ottobre, si registrano 1.594 nuovi casi d’infezione, a fronte di 9.395 tamponi effettuati, per un tasso di positività del 17%.
Continuano a crescere ricoveri e terapie intensive. In ospedale si trovano 814 persone  affette da Covid (+9 su ieri), mentre sono attaccati al respiratore 125 pazienti (+4 rispetto a venerdì). Nelle ultime 24 ore hanno perso la lotta contro il coronavirus altre 11 persone, con il numero dei decessi che corre verso quota 9.000: dall’inizio della pandemia sono morte 8.763 persone.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.