Croazia, atmosfera incandescente. Aggrediti verbalmente i membri della task force (video)

Vili Beroš al microfono e Alemka Markotić durante una conferenza stampa della task force nazionale Foto Goran Stanzl/PIXSELL

Nel giorno in cui il premier Andrej Plenković, commentando la sparatoria di lunedì 12 ottobre davanti alla sede del governo, parla di “preoccupante radicalizzazione della società”, i membri dell’Unità di crisi della Protezione civile nazionale per la lotta al coronavirus vengono aggrediti verbalmente. E’ successo in serata alla prof.ssa Alemka Markotić e al ministro della Salute, Vili Beroš, poco prima che andassero in onda in due diversi collegamenti televisivi. La direttrice della Clinica per le malattie infettive “Dr. Fran Mihaljević” di Zagabria è stata pesantemente insultata da due giovani che stavano passeggiando con il cane. La coppia, un uomo e una donna, se la sono presa anche con il cameraman della tv all news N1, che ha mandato in onda tutto il filmato, in cui Martkotić viene insultata per “creare panico tra la gente”. Poco dopo anche il ministro Beroš, prima di collegarsi con lo studio di Rtl Tv, è stato aggredito verbalmente da una persona. Anche in questo caso il membro della task force è stato insultato per “la diffusione di notizie allarmanti sul Covid”.
Qualche ora dopo è arrivato anche il tweet del portavoce del governo, Marko Milić, il quale ha condannato le aggressioni subite dai due membri dell’Unità di crisi, ricordano che la stessa Markotić e Krunoslav Capak, pure membro della task force e direttore dell’Istituto nazionale per la salute pubblica, “hanno ricevuto minacce di cui si sta occupando la polizia”.

Facebook Commenti