Jacques Villeneuve in pista a Grobnico

Automobilismo. Sulla scia del successo organizzativo dello scorso anno, da oggi a domenica il circuito alla spalle di Fiume ospiterà la quarta tappa del Mondiale Nascar Whelen Euro Series

Le berlinone americane pronte a dare spettacolo in pista

Le berlinone americane sono pronte a “spettinare” Grobnico. Da oggi a domenica il circuito situato alla spalle di Fiume ospiterà la quarta tappa del Mondiale Nascar Whelen Euro Series (NWES), una delle competizioni automobilistiche più prestigiose del Vecchio continente. Dopo il successo organizzativo dello scorso anno, quando Grobnico subentrò a Most (Repubblica Ceca), cancellato per l’emergenza sanitaria, la tappa fiumana è ora destinata a diventare un appuntamento fisso. Un grande riconoscimento per il motorsport croato, già grande protagonista lo scorso aprile con la prima storica edizione del Croatia Rally del Mondiale WRC. Rispetto a 10 mesi fa (si corse a novembre), la principale novità riguarda la presenza del pubblico. Porte dunque aperte e nessun limite di capienza, ma sulle tribune si potrà accedere soltanto se muniti di Green pass o del tampone negativo. Oltre alle classi EuroNASCAR PRO ed EuroNASCAR 2, quest’anno in pista ci saranno anche la Twingo Cup e la gara di endurance TCR DSG Europe. Si parte oggi con le prove libere, ma si entrerà nel vivo domani con le qualifiche e soprattutto con Gara-1: EuroNASCAR PRO alle 14 ed EuroNASCAR 2 alle 17. Domenica il gran finale con Gara-2 fissate alle 10.30 e alle 14.45.

Robert Žiković, Jerome Galpin, Davorin Štetner e Philippe Godet

Lieta scoperta

”Nel 2020 è stata una sorta di test, che però abbiamo superato a pieni voti, tant’è che abbiamo sottoscritto con la NWES un accordo di tre anni con opzione per altri due. L’obiettivo è diventare una tappa fissa nel calendario – ha sottolineato in sede di presentazione ad Abbazia il presidente del Consiglio d’Amministrazione dell’Automotodromo di Grobnico, Robert Žiković –. Organizzare un evento di tale portata in piena pandemia ci ha messi a dura prova, ma ce l’abbiamo fatta riuscendo inoltre ad aprire le porte agli appassionati. L’unica nota stonata sono le previsioni meteo che annunciano tanta pioggia, ma anche così lo spettacolo in pista non mancherà di certo”.

Davorin Štetner, presidente della Federazione croata di kart e automobilismo (HAKS), ha invece aggiunto come il 2021 sia un anno d’oro per il mondo dei motori in Croazia. “È un orgoglio ospitare due grandi eventi come i Mondiali WRC e Nascar. Ultimamente da questo punto di vista abbiamo compiuto un notevole salto di qualità portando in Croazia i più importanti appuntamenti internazionali. Per quanto riguarda invece i piloti, l’anno scorso era stato il grande assente, ma stavolta Jacques Villeneuve ci sarà ed è carico a mille. Al via purtroppo non ci saranno piloti croati, tuttavia, vedremo di individuarne uno talentuoso da lanciare in futuro in questa competizione”.

Presenti infine anche Jerome Galpin e Philippe Godet, rispettivamente presidente della NWES e race director del Nascar GP Croatia, i quali hanno rimarcato come nel 2020 Grobnico sia stata una lieta scoperta che ha permesso di porre le basi per il posto fisso nel calendario, aggiungendo inoltre come il Quarnero sia uno degli angoli più belli d’Europa.

Facebook Commenti