Rimandato al 2021 il Raduno dei fiumani italiani nel mondo

L’Ufficio di Presidenza dell’Associazione Fiumani Italiani nel Mondo

L’Associazione fiumani italiani nel mondo si è riunita per decidere sul da farsi intorno al Raduno 2020 dei suoi soci. Dopo alcuni mesi di collegamenti a distanza, è stata l’occasione per discutere di tante questioni “aperte”. Melita Sciucca, presidente della Comunità degli Italiani di Fiume e membro dell’Ufficio di Presidenza dell’AFIM, ha informato i presenti sull’attuale situazione a Fiume, dove la Comunità degli Italiani ha ripreso l’attività nel rispetto del distanziamento, che non permette di aprire le porte a un numero sostenuto di persone. Le presenze sono ridotte all’osso e monitorate nel rispetto delle misure vigenti. Il Raduno, che coinvolge un alto numero di soci, dovrà giocoforza venire rinviato al 2021. Si è deciso, però, di organizzare, per necessità statutarie una riunione del Consiglio-Assemblea a Montegrotto il 31 ottobre. L’arrivo dei partecipanti è previsto per il 30 ottobre (per la prenotazione chiamare il segretario Adriano Scabardi, tel. 049 8759050). La riunione del Consiglio inizierà sabato, alle ore 9, con la relazione del presidente, Franco Papetti (approvazione dei bilanci e dibattito). Il 1.mo novembre l’appuntamento sarà a Fiume, nella sede della locale Comunità degli Italiani (d’obbligo comunicare la propria presenza ad Adriano Scabardi); in serata il concerto di Francesco Squarcia. Il 2 novembre, tradizionale cerimonia alla Cripta di Cosala.

Facebook Commenti