Il Museo civico di Fiume diventa patrimonio culturale

Il Museo civico di Fiume. Foto: Goran Žiković

FIUME – L’edificio del Museo civico di Fiume, situato nel giardino del Palazzo del Governo, progettato dall’architetto Neven Šegvić e realizzato nel 1976, è entrato a far parte del Registro dei beni culturali in Croazia, in qualità di edificio protetto preventivamente. La delibera è arrivata in questi giorni dall’Ufficio dei conservatori del ministero della Cultura. Ricordiamo che il complesso è stato il primo edificio in Croazia costruito esclusivamente con l’intento di usarlo a scopi culturali; nell’ex Jugoslavia vi era situato il Museo della Rivoluzione popolare. Ad ispirare l’architetto Neven Šegvić è stato il Museo dell’arte americana Whitney, costruito nel 1966 a New York, secondo il progetto di Marcel Breuer. Il Museo fiumano è composto da quattro piani o gallerie, la facciata esterna è composta da un cubo orientato a sud, e con il suo modernismo contrasta nettamente l’ambiente circostante. Nel 1994, al posto del Museo della Rivoluzione popolare, è subentrato il Museo civico di Fiume. Nel 2002 all’edificio è stato aggiunto un vano esterno e il secondo e il terzo piano sono stati ristrutturati, aggiungendovi due mezzanini. Pure in questo periodo il Museo sta subendo un processo di ristrutturazione dettagliata, che dovrebbe prepararlo per tutti gli eventi che vi si svolgeranno l’anno prossimo, quando Fiume sarà Capitale europea della Cultura.

Facebook Commenti