Cucina italiana: premiati i cuochi web

Nell’ambito della quinta edizione della manifestazione culinaria sono stati proclamati i vincitori del Concorso indetto dal Consolato Generale d’Italia a Fiume

Docenti e studenti inclusi nel progetto

Ieri pomeriggio, 26 novembre, sulla piattaforma Zoom ha avuto luogo la premiazione delle studentesse del corso di laurea in Lingua e letteratura italiana del Dipartimento di Italianistica della Facoltà di Lettere e Filosofia di Fiume che hanno vinto il Concorso indetto dal Consolato Generale d’Italia a Fiume e sostenuto dalla Camera di commercio italo-croata e dalla Società ABS di Sisak, nell’ambito della quinta edizione della Settimana della cucina italiana nel mondo.

 

Lotta al Covid-19
A dare il benvenuto a tutti gli ospiti è stata la professoressa Gianna Mazzieri- Sanković, la quale ha aperto l’incontro scherzando sul fatto che l’edizione di quest’anno è stata in un certo senso crudele, in quanto le ricette e le fotografie dei cibi si sono potute leggere e ammirare ma senza gustare le pietanze.
“Come ben sappiamo la cucina italiana e la dieta mediterranea in generale fanno bene alla salute – ha spiegato Mazzieri Sanković – e questo viene ribadito ogni anno nel corso della Settimana della cucina italiana. Quest’anno abbiamo posto l’accento sulla lotta al Covid-19, considerando queste ricette una sorta di rimedio o almeno di prevenzione al virus. I ragazzi hanno portato ricette di antipasti, primi piatti, secondi piatti, contorni e dolci. Nella commissione che ha scelto i migliori ci sono Corinna Gerbaz Giuliano, Maja Đurđulov, Iva Peršić, Diego Sbacchi e la sottoscritta. Spero vivamente che questa sia l’ultima occasione che dovremo fare a distanza e che l’anno prossimo potremo assaggiare tutti questi manicaretti, anche per far capire agli studenti che la cultura italiana non è solo lingua e letteratura, per quanto belle possano essere, ma anche cucina, moda, musica, arte e tanto altro”.

Le crocette calabresi sono state preparate da Doris Datković

Importante la convivialità
Prima di passare alle premiazioni ai presenti si è rivolto pure il Console generale d’Italia a Fiume, Davide Bradanini, il quale si è ricollegato al commento fatto dalla professoressa Mazzieri- Sanković e ha spiegato che la cucina italiana non è soltanto buona e sana, ma uno dei suoi aspetti più importanti è, appunto, la convivialità, il stare insieme.

“Complimenti alle vincitrici per le ottime ricette che fanno venire l’acquolina in bocca – ha detto -. Ricordo che quest’anno celebriamo 200 anni dalla nascita di Pellegrino Artusi, un grande letterato e cuoco italiano, il quale ha scritto il libro ‘La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene’ e vi ricordo anche che celebriamo il decimo anniversario dalla proclamazione della dieta mediterranea come patrimonio immateriale dell’umanità riconosciuto dall’UNESCO”.Le ricette e i premiati
I saluti a docenti e ragazzi sono stati fatti pure dal presidente dell’Unione Italiana, Maurizio Tremul, il quale ha elogiato l’iniziativa di fare la premiazione online, in modo da poter mantenere il contatto, almeno visivo, nell’attesa di un ritorno agli incontri dal vivo.
A condurre la serata è stato il docente Diego Sbacchi il quale si è definito scherzosamente “il cameriere” che porterà i piatti in tavolo. Le vincitrici di questa edizione sono Martina Colnar, che ha presentato le tartine con le lenticchie e radicchio, Cristina Lubiana, che ha parlato della pasta con burro e salvia, Milena Korenika, con i suoi saltimbocca alla romana, Marijana Gašparović con il contorno fagiolini e patate, mentre Doris Datković ha portato in tavola le crocette calabresi.

Facebook Commenti