Un tuffo nel passato per gli esuli da Pola

Si è svolto nel fine settimana il 64° Incontro degli Esuli da Pola, il decimo consecutivo nella città d’origine. Sabato sera la Comunità degli Italiani di Pola ha accolto qualche decina di partecipanti dopo ben due anni di assenza dovuta alla pandemia. Ancora sotto l’effetto Covid, il Raduno ha registrato un’esigua adesione di pubblico, ma in compenso ha regalato ai più coraggiosi, presenti in sala, un gioiello di evento da incorniciare: la presentazione del volume degli Statuti medievali di Pola del Trecento e del Quattrocento, edito nel 2020 dall’Associazione Italiani di Pola e dell’Istria – Libero Comune di Pola in Esilio a cura di Umberto Cecchinato e Bruna Rodriguez Canvari. In apertura i saluti degli organizzatori e delle autorità: Lucio Tito Sidari e Tamara Brussich rispettivamente per l’AIPI-LCPE e la CI di Pola, Bruno Cergnul, vicesindaco di Pola, Roberto Valente, segretario generale del Consiglio regionale del Veneto e Tiziano Sošić, viceconsole d’Italia a Pola.

Il servizio completo sulla Voce in edicola lunedì 20 settembre, o in formato digitale. Clicca qui e abbonati.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.