Nuovi spazi per gli studenti

L’attesa è finalmente finita. In questa settimana o, al più tardi, in quella successiva, gli uffici competenti dovrebbero rilasciare i permessi di costruire per l’ampliamento del campus universitario di Pola. Lo ha annunciato il responsabile del Centro studenti, Miodrag Čerina, più che sicuro che la notizia sarà accolta con entusiasmo dagli studenti, soprattutto da quelli fuori sede che da tempo attendono un alloggio presso l’unica casa dello studente di Pola, che purtroppo dispone di soli 135 posti letto. Un numero decisamente inferiore rispetto alle richieste, che continua ad aumentare di anno in anno.

“Abbiamo quindi deciso di andare incontro alle esigenze degli studenti decidendo di gettarci a capofitto nell’impegnativa impresa di ampliare le capacità ricettive della nostra struttura”, commenta il direttore del Centro studenti, evidenziando che il progetto ha ottenuto un finanziamento a fondo perduto di 58 milioni di kune stanziate dall’Unione europea tramite il suo Fondo di sviluppo regionale. Miodrad Čerina ricorda pure che il progetto di ampliamento del Campus polese è stato candidato presso l’Agenzia centrale per il finanziamento e la contrattazione dei programmi e dei progetti europei, che qualche mese dopo ha siglato con il Centro studenti un contratto per l’assegnazione di ben 53,4 milioni di kune, pari all’85 per cento del valore complessivo dell’opera.
“Il restante 15 per cento è stato, invece, stanziato dal ministero della Scienza, dell’Istruzione e dello Sport”, spiega Čerina, dalle cui parole si apprende che il progetto prevede la costruzione di due nuove edifici. Uno sarà riservato agli studenti in condizioni socio-economiche disagiate. Complessivamente, le due strutture avranno una capacità ricettiva complessiva di 248 posti letto. Inoltre, grazie ai contributi dell’Unione europea e del dicastero competente, accanto alle due nuove case dello studente sarà costruita una nuova mensa in grado di ospitare fino a cento persone. 

Anche una rimessa per le bici

E ancora, il progetto prevede la realizzazione di una rimessa per biciclette e l’installazione di alcune colonnine per la ricarica di auto e bici elettriche.
Tornando ai due nuovi edifici, il responsabile dell’iniziativa sottolinea che ogni stanza avrà due letti e un bagno. L’equipaggiamento prevede, invece, un televisore, un frigorifero e un moderno sistema di riscaldamento e raffreddamento.
Per quanto riguarda il nuovo ristorante/mensa, Čerina dichiara che sarà aperto tutti i giorni dalle 7 alle 22.
“Sono convinto che la realizzazione del progetto attirerà a Pola ancora più studenti. Al momento sono circa 4mila, di cui soltanto il 25 per cento risiede stabilmente in città”, conclude il direttore, secondo le cui stime i due nuovi edifici abitativi e la mensa dovrebbero accogliere i primi studenti all’avvio dell’anno accademico 2019/2020.

Facebook Commenti