Un riconoscimento che premia l’impegno

Il Centro clinico ospedaliero di Fiume è diventato il Centro di riferimento del Ministero della Sanità per la chirurgia mini invasiva del colon, del retto e della parte anorettale

0
Un riconoscimento che premia l’impegno
Marko Zelić e Alen Ružić con i loro collaboratori. Foto: ŽELJKO JERNEIĆ

Il Centro clinico-ospedaliero di Fiume (CCO) è diventato Centro di riferimento del Ministero della Sanità per la chirurgia mini invasiva del colon, del retto e della parte anorettale. Si tratta di un grande riconoscimento per l’istituzione fiumana, che vanta una lunga tradizione nel campo della chirurgia. Infatti, grazie alle attività svolte dai chirurghi fiumani nel campo della chirurgia digestiva, con a capo il prof. Vladimir Šustić, già nel 1977 a Fiume venne fondata l’Associazione dei chirurghi in questo campo. La prima operazione del colon con il metodo mini invasivo presso l’Istituto di chirurgia digestiva del CCO, ebbe luogo nel 2002. “La consegna di questo riconoscimento rappresenta per noi un grande onore – ha detto il direttore del CCO, Alen Ružić –. Lo status di Centro di riferimento non viene consegnato facilmente. Questo significa che abbiamo dimostrato la nostra eccellenza in tutti i segmenti della chirurgia e non solo. Vorrei ringraziare tutti i colleghi per il loro impegno che ci ha permesso ora di ottenere questo status. Il Centro di riferimento è una garanzia per i nostri pazienti i quali otterranno da noi le cure migliori”.
Presente alla consegna della targa anche Ratko Salamon, presidente del Consiglio d’amministrazione del CCO, il quale ha dichiarato di essere particolarmente fiero di quest’evento, dato che svolge il suo ruolo da meno di due mesi. Miljenko Kovačević, a capo della Clinica di chirurgia del CCO, ha voluto ricordare che la chirurgia a Fiume ha una tradizione lunghissima e che ogni anno a Fiume vengono effettuati circa 8.500 interventi. Marko Zelić, attuale presidente dell’Associazione dei chirurghi, nonché responsabile dell’Istituto di chirurgia digestiva, ha dichiarato che sono vari i motivi per i quali è stato conferito questo riconoscimento su delibera del ministro della Sanità, Vili Beroš. “Il sapere acquisito lavorando nella nostra clinica, viene tramandato da tantissimi anni ai giovani colleghi che hanno saputo tenere alto il nostro nome e che sono sempre al passo con i tempi e la tecnologia attuale. Tutto ciò è stato riconosciuto anche dalle alte sfere. Non bisogna sottovalutare il fatto che il nostro lavoro è stato riconosciuto anche dai pazienti, non solo della nostra Regione e di quelle limitrofe, ma da tutte le parti della Croazia e dall’estero, che in caso di bisogno vengono da noi. Infine, ma non meno importante, vorrei sottolineare che tantissimi nostri colleghi da varie parti del mondo, hanno spesso trascorso del tempo nella nostra Clinica per imparare qualcosa di nuovo. Abbiamo tantissimi progetti scientifici e l’impegno è stato premiato. Questo riconoscimento è sicuramente il coronamento delle nostre attività”, ha concluso Zelić.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display