Slovenia. In estate la pandemia sarà sotto controllo

Foto: Hrvoje Jelavic/PIXSELL

Le autorità sanitarie in Slovenia s’attendono che la pandemia vada gradatamente scemando e che la situazione epidemiologica torni praticamente alla normalità nel corso dell’estate. L’infettivologa Bojana Beović ha dichiarato all’odierna conferenza stampa del gruppo consultivo del governo per le vaccinazioni che molto dipenderà dal comportamento dei singoli se l’estate trascorrerà tranquilla. In autunno però, ha avvertito l’infettivologa, potrebbe esserci una nuova ondata della pandemia anche se di portata molto inferiore a quella dello scorso anno.Il rispetto delle misure antiepidemiche e il numero sempre crescente di persone immunizzate hanno fatto sì che la Slovenia si sia avvicinata ai parametri che permettono un ulteriore allentamento delle restrizioni, ha sottolineato la responsabile del gruppo consultivo per le vaccinazioni Bojana Beović. A contribuire al contenimento della pandemia sono state anche le pessime condizioni meteorologiche nel corso delle festività del Primo maggio, con la conseguente assenza di particolari assembramenti, ha puntualizzato l’infettivologa. Con l’arrivo del bel tempo, ha aggiunto, la gente trascorrerà sempre più tempo all’aria aperta, dove la possibilità di contrarre il contagio è nettamente inferiore rispetto agli spazi chiusi. Secondo Bojana Beović in autunno sarà necessaria una nuova tornata di vaccinazioni.Nelle ultime 24 ore, intanto, in Slovenia su 1.310 tamponi effettuati ne sono sono risultati positivi 147, con un tasso di positività dell’11,2 p.c. Sei sono stati i decessi. Negli ospedali sono attualmente 508 i pazienti Covid ricoverati, dei quali 133 si trovano in terapia intensiva. L’incidenza media settimanale del coronavirus è scesa a quota 606.Mentre la curva del contagio sta lentamente calando, a partire da ieri è scattata la vaccinazione anche delle persone di età inferiore ai 50 anni. La prenotazione per l’inoculazione del siero può essere effettuata per il tramite del portale ZVem. I cittadini che si sono già registrati per l’immunizzazione dal proprio medico di famiglia oppure presso il centro vaccinazioni di riferimento non dovranno prenotarsi nuovamente.

Facebook Commenti