Kozlevac: «Bravi istriani, ma guai a rilassarsi»

Il responsabile della task force regionale commenta la buona situazione nella penisola

Dino Kozlevac, responsabile della task force della Regione istriana. Foto: Srecko Niketic/PIXSELL

“Il dato secondo il quale per il terzo giorno consecutivo non si registrano nuovi casi di coronavirus è motivo di grande orgoglio, ma ora bisogna proseguire su questa strada ed evitare di allentare l’attenzione”. Lo afferma Dino Kozlevac, responsabile della task force per la lotta al coronavirus della Regione istriana in una dichiarazione rilasciata al Glas Istre. “E’ chiaro che le misure sono state introdotte in modo tempestivo, ma senza la collaborazione dei cittadini tutto ciò sarebbestato inutile”, ha proseguito Kozlevac, aggiungendo però che “non è ancora il momento di rilassarsi”.
“Anche nel corso di questo fine settimana pasquale posso dire che gli abitanti della nostra penisola stanno seguendo le nostre istruzioni. Ci sono state delle violazioni, ossia dei piccoli assembramenti, ma dopo l’intervento della polizia la gente è rientrata nelle proprie abitazioni”, ha spiegato il capo della Protezione civile istriana, il quale ha anche parlato dei negozi aperti. “Anche in questo senso posso dire che i cittadini rispettano la distanza sociale e le misure intraprese, come pure nella zona dei Mercati cittadini, che ho visitato sabato e dove mi sono sincerato che tutto procede alla perfezione”.
Kozlevac ha concluso ricordando il motivo per il quale il Lungomare polese è stato chiuso al traffico. “Lì c’è gente che passeggia mantenendo le debite distanze, ma se avessimo permesso alle automobili di entrare, la situazione non sarebbe stata più gestibile. Da qui la decisione di vietare l’ingresso alle vetture”.

Facebook Commenti