Giornata antifascismo. Pola, sfregiato il monumento a Tito

“Una vergogna”. Il presidente della Regione istriana Boris Miletić  non usa giri di parole per condannare l’atto vandalico in cui è stato sfregiato il monumento al Maresciallo Tito a Pola, proprio nel giorno in cui in tutta la Croazia si celebra la Giornata della lotta antifascista. Sulla lapide con la vernice rossa è stata disegnata una grande U del regime ustascia, mentre su un altro monumento è stato scritto che “questo è il parco di Pavelić”, il dittatore dello Stato fantoccio ai tempi della Seconda guerra mondiale.

“Nel corso degli Anni Novanta in tutto il Paese sono stati distrutti circa 3mila monumenti antifascisti, mentre noi in Istria siamo riusciti a tutelarli. Perciò, è molto triste assistere oggigiorno ad atti vandalici del genere”, ha scritto su Facebook il neopresidente della Regione. “Nonostante ciò, l’Istria continuerà a tutelare la sua identità basata sull’antifascismo e sulla tolleranza”, ha concluso Miletić.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.