Covid. Studio: vaccini decisivi, ma mascherine ancora necessarie

Foto Roni Brmalj

Nell’ambito del contenimento della pandemia di Covid-19, i vaccini rivestono un ruolo fondamentale e innegabile, soprattutto evitando la malattia nelle sue forme più gravi, mentre la protezione dai contagi tende gradatamente a ridursi e di conseguenza il virus Sars-Cov-2 circola. Proprio per questo motivo, è ancora necessario non abbandonare le misure di protezione, come mascherine, distanziamento e igiene. E’ una delle considerazioni emerse dalla ricerca pubblicata sull’”European Journal of Epidemiology” da un team di studiosi dell’Università di Harvard, coordinato dall’epidemiologo Subu Subramanian, scrive Skytg24.it
L’’indagine è stata condotta in 68 Paesi e in 2.947 contee degli Stati Uniti, sottolineando come non ci sia una correlazione fra l’aumento dei casi di Covid-19 e la percentuale di popolazione vaccinata. Infatti, secondo gli esperti, i primi continuano ad aumentare anche in quelle aree dove sono state vaccinate molte persone perché i vaccini, pur rappresentando la prima e fondamentale arma di difesa contro il coronavirus, da soli non sono efficaci se non si continuano ad utilizzare le mascherine, il distanziamento sociale e la sanificazione degli ambienti.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.