L’Istra 1961 riparte con un pareggio

0
L’Istra 1961 riparte con un pareggio

L’Istra 1961 non va oltre lo 0-0 nella prima partita dell’anno. Al Drosina, nel 18º turno della SuperSport HNL, i polesi avrebbero meritato di più contro lo Slaven Belupo, ma il portiere ospite Čović si è rivelato una saracinesca, mentre in altri frangenti gli attaccanti di casa hanno peccato d’imprecisione. Nel primo tempo la squadra di Gonzalo Garcia ha sì avuto il predominio territoriale, con i possesso pallo che a un certo punto era di 70-30 in favore dei gialloverdi, ma gli infreddoliti spettatori hanno dovuto attendere fino al 24’ per la prima emozione. Vuk ha servito Kadušić, il cui cross al centro è stato deviato da Bolutam di testa verso Erceg, il quale da posizione difficile non ha impegnato severamente Čović. Da segnalare fino alla fine del primo tempo una conclusione di Marina dalla distanza e un’altra di Kadušić dai 11-12 metri. Entrambe sono finite alte sulla traversa. Partono bene i polesi nella ripresa
e al 52’ vanno vicino al vantaggio con Erceg, che da buona posizione, un po’ disturbato da Božić, sbaglia a tu per tu con Čović. Quattro minuti dopo si rende pericoloso anche Vuk, ma il suo rasoterra viene parato non senza difficoltà dall’estremo difensore ospite.
L’Istra 1961 nella ripresa è ancora più intraprendente: al 75’ Erceg servito da Vuk (il migliore dei suoi) manda il pallone sul palo. Due minuti dopo l’attaccante polese è nuovamente protagonista, ma la sua conclusione dai 10 metri è troppo debole per impensierire
Čović, che deve metterci una pezza pure sulla staffilata di Mahmoud appena entrato. Sugli sviluppi del calcio d’angolo è ancora Erceg a rendersi protagonista, ma la sua conclusione di testa finisce alta. All’86’ sempre Erceg su punizione impegna Čović.
STRA 1961: Majkić, Hujber, Galilea, Perković, Kadušić (dal 94’ Mumba), Petrusenko, Caseres (dal 94’ Marin), Mlinar (dal 76’ Mahmoud), Vuk, Boultam (dal 65’ Lisica), Erceg. All.: Gonzalo Garcia.
Slaven Belupo: Čović, Hlevnjak, Božić, Christopoulos, Soldo, Marina, Mudražija (dal 79’ Kocijan), Jambor (dal 79’ Mioč), Kvržić (dal 74’ Žuljević), Hodža (dal 93’ Manaj), Krstanović (dal 74’ Crnac). All.: Zoran Zekić.
ARBITRO: Čulina di Zagabria.
NOTE: stadio Drosina, spettatori 557. Ammoniti Jambor, Božić, Christopoulos e Marina.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display