A Sicciole rimessa a nuovo l’ex stazione ferroviaria

I lavori di ristrutturazione dell’edificio dell’ex stazione ferroviaria di Sicciole sono stati recentemente completati, ma per ora non è stato ancora stabilito a cosa sarà adibita. L’immobile versava in condizioni molto precarie e l’iniziativa per il suo recupero era partita anni fa, dopo che la cittadinanza aveva sollecitato il suo proprietario, la società di telecomunicazione “Telekom” a intraprendere l’opera di ristrutturazione. Con l’obiettivo di preservarle l’edificio risalente agli inizi del ‘900 e iscritto nel registro del patrimonio culturale, lo scorso gennaio la “Telekom” slovena ha iniziato la sua ricostruzione. I lavori sono stati eseguiti in conformità ai permessi ottenuti e in accordo con le indicazioni dell’Istituto regionale per la tutela dei beni culturali. L’intenzione iniziale era di demolire completamente l’edificio fatiscente, ma poi è stato deciso di conservarne una parte significativa. Nell’ambito della ricostruzione sono state rinnovate le fondamenta, nonché la facciata, il tetto, gli intonaci interni, i pavimenti e gli infissi. L’ammontare complessivo dell’investimento per la completa ricostruzione non è stato svelato, in quanto custodito dal segreto aziendale. I lavori di ristrutturazione si sono conclusi a giugno e non è stato definito alcun accordo sull’utilizzo della struttura in futuro, hanno osservato i vertici “Telekom”. Il presidente della Comunità locale di Sicciole, Denis Fakin, ha spiegato all’agenzia stampa slovena STA di non aver ancora discusso con i proprietari dell’immobile riguardo i possibili futuri contenuti della struttura: “Abbiamo alcuni progetti, ma non siamo ancora parte in causa”. Secondo Fakin, l’edificio potrebbe diventare un punto informativo o addirittura un museo, ma qui si pone anche la questione della redditività. Dal Comune di Pirano, come dichiarato sempre alla STA, rilevano che la “Telekom” al momento non li ha contattati. Una volta fatto, discuteranno anche dei possibili contenuti ma per ora è troppo presto per parlare dei dettagli.

Facebook Commenti