Fiume. Festa di Ognissanti tra culto e tradizione (foto)

Uno scorcio del cimitero di Cosala, a Fiume. Foto Ivor Hreljanović

Anche quest’anno Fiume vive la tradizionale e assai sentita festa di Ognissanti che celebrata oggi in tutta Europa affonda le sue radici nell’antico mondo celtico dal quale fu in seguito esportata dai romani che la celebrarono come una delle piu’ importanti festivita’ pagane del loro calendario. È consuetudine in questa giornata ma soprattutto il giorno dei defunti visitare i cimiteri e portare fiori sulle tombe dei propri cari.
Nella ricorrenza di Ognissanti, l’arcivescovo di Fiume, mons. Ivan Devčić, ha celebrato la Santa Messa nella chiesa di Cosala, seguita dalla processione verso la Croce centrale, dove è stata impartita la benedizione delle tombe. Funzioni religiose anche nei cimiteri di Drenova, Zamet e Tersatto.

La festività di Ognissanti è stata ricordata tradizionalmente pure dalla SAC Fratellanza. All’Ossario del cimitero di Cosala una delegazione della società artistico-culturale ha acceso un cero in ricordo dei coristi e di tutti i fiumani defunti.

Alcuni membri della Fratellanza davanti all’Ossario del cimitero di Cosala. Foto: Ivor Hreljanović

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.