Coronavirus. Il ministro croato: «Evitare l’Italia»

Il ministro della Salute, Vili Beroš. Foto Patrik Macek/PIXSELL

Il Ministero della Salute croato ha annunciato che emetterà una raccomandazione per evitare viaggi nelle zone d’Italia, colpite dal coronavirus, soprattutto per quanto concerne le gite scolastiche. Inoltre, il ministro Vili Beroš ha aggiunto che a tutti i cittadini croati che sono stati in contatto con i contagiati o nelle loro vicinanze, “sarà ordinata la quarantena“, mentre tutti coloro che arrivano da Lombardia e Veneto saranno sottoposti a controlli e dovranno contattare quotidianamente i servizi epidemiologici“. Come nel caso di una cinquantina di studenti della scuola media “Jure Kaštelan” di Almissa (Omiš) in Dalmazia, che per precauzione è stata costretta a interrompere la gita in Veneto (a Padova, Verona e Venezia) ed stata rimpatriata d’urgenza. Una volta arrivata a casa, i ragazzi sono stati sottoposti a controlli, che hanno escluso qualsiasi sintomo che potrebbe far pensare al coronavirus.
Alla domanda se il Carnevale di Fiume doveva essere rinviato data la presenza di diversi gruppi provenienti dalle zone interessate dal contagio nel Belpaese, il ministro della Salute ha risposto che “la situazione in Italia è esplosa praticamente in un giorno ed era difficile prendere qualsiasi decisione in un così breve tempo. Ma noi siamo pronti per ogni evenienza e facciamo il possibile per affrontare la situazione”.

Facebook Commenti