Alla “Festa del Popolo Veneto 2018” premiate sei scuole d’Istria!

Il 23 marzo si è celebrata, presso l’Istituto Provinciale per l’Infanzia “Santa Maria della Pietà” a Venezia, la Festa del Popolo Veneto 2018, istituita con L.R. 8/2007 in occasione della ricorrenza della data mitica di fondazione della città di Venezia.

La giornata era  incentrata sulla cerimonia di premiazione del Concorso “Tutela, valorizzazione e promozione del patrimonio linguistico e culturale veneto” che è stato promosso dalla Regione del Veneto in collaborazione con UNPLI –Veneto e con l’Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto ed ha riguardato le scuole venete di ogni ordine e grado, nonché le scuole italiane dell’Istria.

Presentati, a questa 7ª edizione, 138 progetti per un totale di 109 istituti che, nei mesi scorsi, hanno impegnato migliaia di ragazzi i quali con l’aiuto di insegnanti volontari delle Pro loco hanno indagato, scoperto e approfondito i baluardi dell’identità veneta.

Sono stati premiati anche sei istituti scolastici dell’Istria, e precisamente la SEI “Giuseppina Martinuzzi” di Pola impostasi nella sezione Poesia con “Sei personagi in serca de autor (rivisitasion de poesie); la SEI di Cittanova nella sezione Enogastronomia con “I frutti del mare sulla nostra tavola, come una volta…”; la SEI “Vicenzo e Diego De Castro” di Pirano nella categoria Ricerca storica con “Iera una volta el tram de Piran”, affiancata nella stessa sezione dalla SEI “Giuseppina Martinuzzi” di Pola, sezione di Gallesano. Premiata inoltre, nella categoria Leggende e misteri, la SEI “De Amicis” di Buie “La leggenda della Chiesa della Madonna delle Misericordie”. Ha ottenuto infine 500 euro anche la SMSI “Dante Alighieri” di Pola, che ha partecipato alla categoria Personaggi veneti con “Barufa polesana”.

Una presenza, quella istriana, che testimonia di come anche dall’altra sponda dell’Adriatico pure i più giovani continuino a mantenere il legame con la lingua e la cultura venete.

Festa del Popolo Veneto, oltre sei mila studenti impegnati

TEMI DEL CONCORSO

Al fine di preservare la lingua veneta e di svilupparne la conoscenza il bando ha individuato tre differenti ambiti:

  • Ambito 1: La lingua veneta nelle sue espressioni creative nel teatro, nella musica e nella poesia. Una sezione dedicata alla progettazione e allo sviluppo di musiche e testi inediti in lingua veneta che siano caratterizzati dall’originalità, oppure dalla rivisitazione di prodotti già esistenti;
  • Ambito 2: Il territorio regionale con il suo patrimonio storico-artistico ed enogastronomico; una sezione dedicata a scritti inediti riguardanti il territorio e il vasto patrimonio artistico, storico ed enogastronomico di cui il Veneto va fiero.
  • Ambito 3: la progettazione e lo sviluppo di attività e prodotti inediti riguardanti il raccogliere,
  • raccontare, drammatizzare le leggende e i misteri del proprio territorio o i personaggi veneti e della storia veneziana: riscoperta e ricerca di leggende, misteri e personaggi che hanno saputo valorizzare e lasciare un segno nella storia veneta e veneziana

Facebook Commenti