Il dialetto, una musica che arriva da lontano per raccontare il quotidiano… con gusto

Graziella Gliubich Semacchi ci regala questi suoi brevi testi di estrema attualità, ironici, poetici come lei sa essere

Abbiamo voluto illustrare quest’articolo con le vignette che il nostro Riccardo Lenski ha dedicato agli scritti in dialetto di Andor Brakus su La Voce di Fiume. Grande tratto, Riccardo è a suo modo un poeta, perché coglie lo spirito delle nostre genti con intelligenza e allegria, trasformando il disegno in un messaggio denso, ricco di riferimenti e suggestioni di un mondo ritrovato.

Una delle nostre interviste per le pagine ESULI FVG del sabato, è stata quella con Graziella Gliubich Semacchi a Trieste, fine poetessa, autrice di numerosi libri in versi, di origini dalmate, donna in grado di coinvolgere altri autori in progetti di scrittura condivisa. Ma è soprattutto capace di cogliere con la sua profonda ironia le sfumature dell’esistenza e renderle sia in lingua italiana che in dialetto con estremo gusto e sapienza. Prima di salutarci, ci ha voluto donare alcuni suoi scritti di estrema attualità che pubblichiamo. Si tratta di brevi testi che ben disegnano la filosofia di vita della gente di questa nostra terra di mare: un omaggio alle sue radici dalmate, ma anche al delicato momento che il mondo sta attraversando, messo alla sbarra da una pandemia che resiste e ci condiziona.
Ma ti te son felice?
Tornando de la spesa go trovà che no funzionava l’assensor. Anche la signora del quarto pian iera disperada, portar su le borse a piedi no iera el più bel modo per finir la matina. Fermandome ogni tre scalini per ciapar fià, go brontolà su l’età che me pesa su le spale e la signora, sufiando come mi, la se ga lamentà che de dopopranzo la doveva tornar fora, che la ghe tigniva tanto e come che la gavessi fato se nel fratempo no i lo governava, quel tacomaco… Co semo rivade su de mi ghe go oferto un bel bicer de aqua per rinfrancarse e se gavemo messo a far due ciacole. La me ga contà che la iera invitada a una manifestazion de la giornada internazional de la poesia. “Ma no ogi, ogi xe la giornada de le foreste. So perché amici mii che ga un tochetin de tera in Carso, a Samatorza, ogni 21 de marzo i impianta un albereto”. Che no, che iera el giorno de la poesia; ela ogni volta la andava al suo circolo de poeti e i legeva poesie su la primavera…
Co la xe andada via son corsa a impizar el compiuter, me pareva de ‘ver ragion mi, ma no gavevo volù discuter per no perder altro fià. Infati, me ricordavo ben ma…e qua la sorpresa: el 21 de marzo se celebrava tute due e altre tre! Ma quante giornade internazionali esisteva? 19 solo in marzo e le finissi el 31 co’ la giornada del backup. Che saria andar in piaza con quei che dopra spesso el pc per ricordarse de far la copia de tuti i dati, che basta un gnente per perderli. E ocori meter un giorno per questo? In april, che comincia dopodomani gavaremo 22 de ste manifestazioni. Ma cossa, me son dita, xe quasi più giornade che giorni in t’un ano! Chi se le ga inventade? In principio le Nazioni Unite, l’Unesco, la Fao – robe serie insoma – per promover iniziative de pase e solidarietà ma ogi se festegia de tuto, esisti perfina la giornada de la Nutela e quela de le torte, la giornada dei biscoti per cani, del baso e quela dei Ufo e altre una più stramba de l’altra. Tuto perché se ga messo de mezo le associazioni de categoria e, perdoneme la parola, de marketing.
Va ben, ma come funziona? Semplicissimo, qua de noi, crear una giornada: se va de un deputato e se lo prega de depositar a Montecitorio un disegno de lege. Evidentemente no xe dificile trovarli e magari no i ga altro de far per guadagnarse el pan…co’ la Nutela.
El 4 magio xe la giornada internazional de la ridada, de no confonder co’ quela del soriso che casca el primo venerdi de otobre e, ma no me son inacorta, el 29 de sto mese iera quela de la felicità. Che anzi go ’pena leto sul giornal che ne la classifica mondial de la felicità l’Italia xe passada del quarantessetesimo al trentaseiesimo posto. Centocinquantasei i Paesi esaminadi e la classifica xe stada consegnada a l’Onu. I più felici xe i finlandesi, dopo vien danesi norvegesi, islandesi, olandesi, svizzeri, neozelandesi canadesi e austriachi. Ma come i ga savù? A mi mai nissun me ga domandà se son felice, solo una volta che vignivo fora de la paruchiera la finanza me ga fermà per farse mostrar el scontrin fiscal.
Chissa se son finida in qualche statistica…
Fioi ierimo
Che mal che son restada: go verto un libro per zercar una riceta, un libro che no tocavo de ‘ssai tempo, e tra le pagine go trovà un quadrifolio, messo là a secarse no so più quando, che come che lo go ciolto in man el me se ga sfregolà tuto. Sicome che son sempre stada un fià superstiziosa me ga parso come un bruto segno. Po me son dita che a la mia età no podevo esser ancora cussì stupida e me xe tornà in amente de quando co le mie amichete andavimo a zercar quadrifoli portafortuna ne la campagneta vizin de casa disendose che se trovavimo anche un solo voleva dir che la guera sarìa finida presto. Ara ti che pensieri che gavevimo. Fato sta che un dopopranzo ghe ne gavemo trovadi due e quasi no ghe podevimo creder: semo andade in procession, coi quadrifoli sul palmo de la man – ierimo crature sui oto-diese ani – a mostrargheli a mame e none come se gavessimo trovà un tesoro. La credenza contava che chi che lo gaveva ingrumà doveva esprimer un desiderio e dopo meterlo in un libro fin che el desiderio se averava. A quel punto se lo passava a un’altra de noi e cussì avanti, ma no credo che quel che del mio libro fussi un de quei due, el gavessi quasi otanta ani. Ma sì, me son ricordada: quel mio lo gaveva trovado in giardin mia fia picia e se lo ierimo dimenticade là. Chissache desiderio che iera restà fra le pagine…
Che el quadrifolio porti fortuna xe una storia ‘ssai antica, chissacome che la xe nata. Forsi perché el trifolio con quatro foie xe raro, se trova un ogni diesemila e ogni foia simbolegia qualcossa: una la speranza, la seconda la fede, la terza l’amor e la quarta la fortuna. El Guiness dei primati riporta el record de un quadrifolio con cinquantasei foie! Un mostro, racolto in Giapon nel 2009. Più che portar fortuna forsi Hiroshima e Nagasaki no xe estranee al fenomeno…
Ma in quela campagneta de la mia infanzia cresseva anche piante de strazacavei. No so se quele balete tonde de un color che butava sul viola, coverte de pici uncini, fossi el fior o el fruto che zercavimo fra le foie per tirarsele ‘dosso, dove che le se tacava coi uncini che le gaveva. E fin qua tuto ben, iera un giogo de una mularia che gaveva pochi divertimenti ne le giornade de estate de tanti ani fa. La tragedia nasseva co per sbalio i strazacavei rivava fra i cavei: no i vigniva più via e bisognava liberarse de lori taiando le longhe code strente coi nastri che iera un vanto per noi. Le mame ne portava del barbier del rion che gaveva un metodo tuto suo: el troncava le code co un per de colpi de forfe e el taiava i cavei curti curti. In tuti due casi el risultato iera ‘ssai sconfortante. Che pianti! Ma po i cavei cresseva e l’ano dopo …torna cope: altre batalie coi strazacavei.
Fioi ierimo.
Sto ano inveze no vedo l’ora che i verzi i paruchieri. No xe question de strazacavei ma de coronavirus: in testa go un cespulio incolto che sogna forbici e messainpiega. Però go savù che l’inventor del velcro lo ga inventà propio osservando la propietà dei strazacavei de tacarse cussì forte. Magari, co l’iera picio el gaveva fato l’esperienza in propio…
Cussì xe la vita, ah.
Usi, costumi e fantasia
Me go sentì fora de moda co la mia mascherina bianca: quasi tuti (quei che la portava, che go visto tropi senza!) le sfogiava de tuti i colori, con disegni, perfina col monograma. ‘Ssai eleganti me ga parso quele nere, adate per la movida o per i funerai… Ne le sfilate dei grandi sarti le go viste de la stessa stofa dei vestiti, una rafinateza che pochi pol permeterse. Ancora inveze no me xe capità de veder quele che fa pandan col costume de bagno ma de sicuro le spunterà ‘pena che se podarà andar a nudar. Noi italiani, xe inutile, semo ‘ssai creativi in tute le circostanze ma sta idea no la xe del tuto sbaliada, xe probabile che la diventerà un must che salverà capre e cavoli: meterà in moto l’industria e invoierà quei che no se le meteva sfidando le regole, a portarle anche quando che no ocori. A mi me basta e me vanza la mia che la xe quasi nova, difati son andada fora solo un per de volte che propio no podevo far de meno. E no vedo l’ora che rivi el momento che no sarà più necessario doprarle. Ma, sicome che me piasi colezionar de tuto, me procurerò una de ogni tipo e magari fra qualche ano le sarà una rarità… Guai se me sentissi mio marì, povero, che no ghe ne podeva più de le mie colezioni de cicherete de cafè e de bicerini de rosolio. Ma che bele robe che i fazeva una volta! Anche ogi se trova robe bele ma no le ga, per mi, l’incanto de quele de una volta. Me tocherà lassarghele a un museo per via che i fioi le considera solo intrighi che no i savessi dove meter, ma intanto mi me le godo.
Mia mama me ga tacà la passion per le robe de una volta, ela la zercava, in ogni logo dove che l’andava, vece pupe. Una volta che ierimo in Francia in gita co la parochia, ela zita zita, la ga molà la compagnia e la xe sparida. Se semo acorti sul pulman al nomento de ripartir che la mancava. Una paura: la gaveva za i sui ani e no la conosseva la lingua: l’autista proponeva de avertir la polizia. Mia fia pianzeva disperada ‘gavemo perso nona’ che no savevo come calmarla, co se la semo vista tornar compagnada de un agente, tuta entusiasta per la pupa comprada in un mercatin trovà ‘perché mi go naso’ la ne ga dito esultante intanto che la sbrazolava ‘la pupa che me mancava, ma diseme se no la xe bela’. ‘Ma come te ga fato per tornar?’ E ela ‘e cossa ghe vol? ‘Pena ghe go visto una guardia ghe go dito ‘io perso pulman’ e lu subito ga capì dove che xe el parchegio de le coriere. Come de noi in marina, no? Tuti là se ferma quei che vien in gita’.
Però quanti che ga la manìa de colezionar le robe più diverse. La regina Elisabeta II ga quela de le spile: le sue xe gioieli unici, e la le sfogia secondo i vestiti e le ocasioni. Per sua fortuna no la devi andar a zercarsele, la le ga ereditade de sua mama, sua nona e ancora più indrio: go visto le foto, una maravea. De ela go imparà che se devi meterle sempre su la parte sinistra del vestito. Perfina la signora in gialo dopra ‘ssai spile. Le me piasi anche a mi e go una che me ga regalà nona co iero picia e che porto sempre: la xe de argento e smalti e in mezo xe incastonà un scarabeo. A scola contavo che el iera sta trovà ne la tomba de un faraon.
Mai no me ga mancà fantasia, ah…

Facebook Commenti