Ospedale di Isola, torna operativo il reparto Covid

L’Ospedale generale di Isola

Seguendo la tendenza a livello nazionale, ritorna l’epidemia di Covid-19 anche nella fascia costiera. I dati statistici degli ultimi giorni indicano nei Comuni di Capodistria, Isola, Pirano e Ancarano oltre 600 casi attivi, ovvero di persone contagiate e non ancora ristabilite, una sessantina dei quali individuati soltanto ieri che si assommano al migliaio e oltre di casi notificati nel Paese. I timori che le scuole potessero essere un focolaio d’infezione, per ora, non sono diventati realtà. Gli alunni contagiati sarebbero complessivamente una ventina, mentre alcuni casi riguardano anche i docenti. Per tutti i sospetti sono obbligatori i test e, nel momento in cui fosse confermata l’infezione, la quarantena. Negli esercizi pubblici, eccetto che nei negozi di alimentari, sono entrate in vigore le severe misure di prevenzione approvate dal governo, che prevedono l’esibizione del green pass prima di poter accedere ai servizi. Costanti sono oltretutto i richiami all’osservanza delle norme igieniche, a indossare la mascherina al chiuso e a disinfettare le mani. Purtroppo sale anche la pressione sugli ospedali. Da ieri in quello di Isola è nuovamente operativo un reparto Covid. Dispone di circa una ventina di posti letto. I pazienti più gravi che necessitano della terapia intensiva vengono trasportati al Centro clinico di Lubiana. Come dichiarato dal direttore sanitario, Dušan Deisinger, il reparto è stato allestito al quarto piano della struttura. Dispone di un’entrata autonoma in modo da non intralciare il lavoro delle altre camerate e degli ambulatori, che potranno così funzionare regolarmente e assistere gli altri pazienti. Si teme che il numero di ricoverati potrebbe aumentare rapidamente, anche perché il servizio di Pronto soccorso si trova a valutare ogni giorno all’incirca quaranta casi di sospetto Covid.

Facebook Commenti