Finanziamenti. I candidati giocano a carte scoperte

Battage elettorale. Le forze politiche in lizza alle amministrative hanno in gran parte consegnato la documentazione in tempo utile

I candidati in lizza il 16 maggio prossimo in genere hanno ottemperato ai loro obblighi di legge

A sette giorni esatti dalle elezioni amministrative del 16 maggio, tutti i soggetti in lizza, ossia prevalentemente i partiti e qualche lista civica, erano in obbligo di consegnare la documentazione relativa ai finanziamenti delle loro campagne elettorali.

 

La Commissione elettorale centrale (DIP) ha comunicato che quest’anno, dei 4.336 soggetti coinvolti, 151 non hanno consegnato nei tempi previsti, entro la mezzanotte dell’8 maggio, i documenti relativi alle donazioni ricevute e agli sconti ottenuti nella campagna elettorale sui media. La consegna della documentazione rimane però un obbligo di legge, sia per la prima che per la seconda tornata elettorale, con tutti i candidati che devono consegnare l’intero incartamento sia entro una settimana prima che, in forma più approfondita, entro 30 giorni dalla data delle elezioni.

Per quanto concerne i candidati agli incarichi di sindaco e di presidente di Regione hanno consegnato la documentazione richiesta in 1.652, con altri 78 che invece non hanno fornito i documenti che avrebbero dovuto esibire. A livello di liste, partiti e coalizioni, in lizza per i Consigli comunali e cittadini nonché per le Assemblee regionali, l’avvenuta consegna è stata registrata in 2.398 casi, con altri 64 che invece non hanno fornito la documentazione necessaria, per un totale di 2.462 candidati in obbligo di esibire i dati sui finanziamenti.

Rimangono poi da specificare i dati sui 144 candidati specifici per i ruoli di vicesindaco e vicepresidente di Regione che vengono scelti tra le fila degli appartenenti alle minoranze nazionali: fra questi 135 hanno già consegnato tutto il necessario, mentre altri 9 no.

Numeri a parte, le elezioni amministrative del 2021 hanno visto una grande novità, relativa proprio alla consegna della documentazione sui finanziamenti, con la Commissione elettorale centrale che per la prima volta ha permesso la consegna dei materiali in formato digitale, preferendo quindi questa soluzione alla documentazione cartacea. Grazie a questa innovazione tutti i documenti consegnati entro la mezzanotte del 6 maggio sono già stati inseriti sul sito della Commissione elettorale nazionale, rendendoli così disponibili all’opinione pubblica.

I nomi più rilevanti fra quelli i cui dati sono già alla portata di tutti sono il candidato a sindaco di Fiume, Vedran Vivoda (Akcija mladih), e tre candidati a sindaco di Spalato: Željko Kerum, Branka Ramljak e Ivica Puljak. Per tutti gli altri si dovrà aspettare ancora un po’, con i dati che molto probabilmente verranno caricati online durante la giornata odierna.

Facebook Commenti