Calcio. Rijeka, una vittoria di rigore (foto e video)

Foto: Roni Brmalj

Dopo quattro sconfitte conscutive (tre in Europa League e una in campionato), il Rijeka ritrova finalmente il successo. Nell’11ª giornata di Prima Lega i fiumani hanno superato a Rujevica per 1-0 la Lokomotiva grazie a un rigore realizzato da Murić al 17′. Rožman, sempre costretto a fare i conti con l’emergenza a centrocampo, ripropone lo stesso modulo utilizzato contro il Napoli, schierando il tridente offensivo formato da Murić (recuperato dopo il colpo al costato rimediato contro gli azzurri) e Menalo ai lati, nonché Kulenović al centro, confermando nove undicesimi di quel match. Le uniche novità sono Galović (con la fascia di capitano al braccio) al centro della difesa al posto di Velkoski (squalificato) e Štefulj, che si riprende la fascia sinistra, con Braut spostato a destra al posto di Tomečak, anche lui fermo per squalifica. L’inizio è tutto degli ospiti. Al 7′ arriva il primo affondo: Escoval respinge di testa il lancio di Karačić sui piedi di Tuci che non ci pensa due volte e colpisce al volo, ma Nevistić è bravo a togliere la palla da sotto la traversa. Gli ospiti insistono e al 12′ un bel cross dalla destra arriva a Cokaj che colpisce di prima intenzione da buona posizione, non trovando però lo specchio della porta. Il Rijeka prende coraggio e si procura subito un rigore: al 16′ cross di Menalo dalla sinistra, Kolinger cicca il pallone che finisce sul braccio di Pivarić. L’arbitro non ha dubbi e indica il dischetto. Murić si presenta davanti a Hendija che intuisce, ma non riesce a fermare il tiro del numero 7. Il Rijeka alza i giri e al 25′ Gnezda Čerin, fresco di convocazione nella nazionale slovena, ci prova di sinistro, ma la sua conclusione è centrale e Hendija non ha problemi. Poco dopo arriva un buona triangolazione tra Kulenović, Menalo e Murić, ma l’autore del gol pasticcia e spreca un’occasione che prometteva bene. Al 40′ nuovo break dei padroni di casa che partono in contropiede, la palla arriva a Kulenović che si accentra ed esplode un destro a giro che Hendija ferma con una bel tuffo, riuscendo pure a evitare l’angolo. Il primo tempo si chiude qui.
Traverse di Murić e Kulenović
Nella ripresa la Lokomotiva parte col piglio giusto mettendo subito pressione alla retroguardia fiumana. Al 52′ gli ospiti battono rapidamente un calcio d’angolo, la palla arriva sul secondo palo a Kolinger tutto solo, ma il difensore perde l’attimo e il Rijeka si salva. Due minuti dopo Murić parte sulla destra a grandi falcate, si beve Pivarić, arriva al limite dell’area e fa partire un potente sinistro che però si stampa sulla traversa con Hendija battuto. Il Rijeka insiste alla ricerca del raddoppio che metterebbe la vittoria in cassaforte. Poco dopo Kulenović si libera sulla sinistra al limite dell’area, ma la sua conclusione si spegne sul fondo. Al 65′ punizione dalla sinistra, Menalo sfiora di testa e la palla passa a pochi centimetri dal palo. Al 76′ Yateke (entrato nel frattempo al posto di un esausto Murić) serve in area Menalo che prolunga fino a Kulenović il quale calcia a botta sicura da 5-6 metri, ma Hendija è prodigioso e riesce incredibilmente a deviare il tiro sulla traversa. Il Rijeka è in pieno controllo e i zagabresi non si rendono praticamente mai pericolosi, ma in panchina Rožman è visibilmente preoccupato. Nel finale Galović e compagni si limitano a gestire il vantaggio portando il match in porto, conquistando il quinto successo in campionato e riprendendosi il quarto posto in classifica. Ora spazio alla sosta per gli impegni della nazionale che servirà per tirare un po’ il fiato e recuperare qualche giocatore infortunato.


Facebook Commenti