Loggia massonica. Fiume in prima fila (foto)

Villa Olga

Lo scandalo che ha travolto l’ormai ex procuratore di Stato, Dražen Jelenić, costretto a dimettersi dall’incarico per aver sottaciuto alle autorità statali di essere iscritto a una loggia massonica, ha riportato in auge in Croazia l’interesse per la libera muratoria. Quest’ultima è considerata una delle più antiche associazioni secolari istituite in seno alla società occidentale.
A Fiume le prima loggia massonica fu istituita nel 1769 su iniziativa di dipendenti olandesi e francesi della Raffineria di zucchero. A partire dal 1780 i massoni fiumani riuniti nella Loggia di San Giovanni iniziarono a riunirsi nella villa che oggi ospita l’Archivio di Stato (DAR). Tra i massoni fiumani o fiumani d’adozione i più celebri e potenti furono Andrea Lodovico Adamich e Laval Nugent.
Tra le due guerre mondiali nel capoluogo quarnerino i massoni più influenti erano riuniti nella loggia Sirius, che in epoca fascista continuò a operare clandestinamente. L’organizzazione fu fondata nel 1901 e aveva la sua sede nella Casa Veneziana (Palazzo Whitehead) in via Dolac.

Il servizio completo sulla Voce in edicola venerdì, 21 febbraio

Facebook Commenti