Coronavirus Croazia. Cento morti in un mese

Una mascherina getta a terra per le vie di Zagabria

In Croazia, dal 3 settembre al 4 ottobre, 104 persone sono morte a causa dell’infezione da coronavirus. Il numero dei decessi è in crescita e dall’inizio della pandemia, si registrano 298 morti. Negli ultimi 15 giorni hanno perso la vita 54 persone.
Nell’ultimo mese il numero dei decessi rappresenta  quasi un terzo  dei morti dal 25 febbraio, ossia dall’inizio dell’epidemia di coronavirus in Croazia.
Krunoslav Capak, direttore dell’istituto croato per la salute pubblica (HZJZ) spiega che questo non  si può considerare un “improvviso” aumento del numero di decessi.  “Verso la fine di agosto  c’era un  numero elevato di persone contagiate, e ci vuole del tempo per sviluppare forme più gravi della malattia e quindi il ricovero.  Purtroppo alcuni di loro soccombono, soprattutto quelli che hanno un’età avanzata  e qualche comorbilità che aggrava la situazione con il Covid”.
In questo mese il numero dei ricoveri  è iniziato a crescere e di conseguenza anche quello de i pazienti attaccati al respiratore  e, purtroppo, sono aumentati i decessi.  “Ma è una conseguenza del gran numero di nuovi contagi.  Ora i nostri numeri sono in calo da tempo e speriamo che la tendenza al ribasso prosegua”, ha spiegato Capak.

Facebook Commenti