Caso doping. Russia fuori dai Giochi olimpici per 4 anni

La decisione è stata resa nota dall’Agenzia mondiale antidoping

La squadra russa in una delle edizioni precedenti dei Giochi olimpici invernali

L’Agenzia mondiale antidoping (WADA) ha deciso oggi, lunedì 9 dicembre, l’esclusione della Russia dai Giochi olimpici per il periodo di quattro anni. In base alla decisione, che riguarda anche i vari Campionati mondiali, la Russia non potrà sventolare la propria bandiera o suonare l’inno nazionale durante Tokyo 2020 e i Giochi Invernali di Pechino del 2022. Gli atleti che possono provare la loro estraneità allo scandalo doping, potranno accedere alle varie competizioni sotto una bandiera neutrale. La Russia non potrà, inoltre, ospitare né candidarsi per organizzare grandi eventi sportivi.
Il Comitato esecutivo della WADA ha preso la decisione dopo aver concluso che Mosca ha manomesso i dati di laboratorio con prove false ed eliminando i file collegati a test antidoping positivi che avrebbero potuto aiutare a identificare i dopati.

Facebook Commenti