Rudić e la Pro Recco scommettono su Nikša Dobud?

Nikša Dobud: la squalifica sta per finire

FIUME | Mentre il calciomercato aspetta che finiscano i Mondiali in Russia per i grandi botti, nella pallanuoto c’è già parecchio movimento. Ci riferiamo in primo luogo alla nazionale croata, che dal 16 al 28 luglio disputerà gli Europei a Barcellona. I croati, campioni del mondo in carica, da giovedì si preparano a Fiume, nel polo natatorio di Costabella. Se ne andranno domani per disputare in Francia un torneo amichevole.
La grande protagonista del mercato, manco a dirlo, è la Pro Recco, la più ricca e titolata società di pallanuoto del mondo che, però, non vince la Champions League da tre anni. Dopo la sconfitta nell’ultima finale contro l’Olympiacos è stato immediatamente rispedito a casa il tecnico Vladimir Vujasinović a cui è subentrato un guru della pallanuoto mondiale come Ratko Rudić. “Voglio il meglio”, recitava uno slogan pubblicitario e Gabriele Volpi, padrone del club recchelino, è fedele a questo pensiero.
Dopo la delusione in Champions la società ligure ha provveduto immediatamente a fare qualcosa. Si è presa il portiere dello Jug, Marko Bijač, e quindi l’attaccante della Mladost Luka Bukić, figlio d’arte. A quanto pare, non finisce qui. Infatti, sarebbe stato raggiunto l’accordo con un altro giocatore croato, un pezzo da novanta. Lo avevamo quasi dimenticato. Parliamo di Nikša Dobud, ex capitano dello Jug e uno dei grandi protagonisti alle Olimpiadi di Londra del 2012 quando la Croazia conquistò l’oro. Nel 2013, saltando un controllo antidoping domiciliare, rimediò quattro anni di squalifica. Da febbraio potrà allenarsi e da metà aprile prendere parte alle competizioni ufficiali. Il prossimo 5 agosto Dobud compie 33 anni. Fino ad aprile 2019 avrà tutto il tempo per tornare in forma e dare una mano alla Pro Recco che vuole tornare sul trono d’Europa.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.