Rijeka «travolto» dalla Lokomotiva

Igor Kralj/PIXSELL

ZAGABRIA | Il Rijeka esce nuovamente sconfitto dallo stadio in via Kranjčević. Con un gol segnato al 13’ da Radonjić la Lokomotiva supera il Rijeka per 1-0 nel primo anticipo della 33ª giornata della Prima Lega croata di calcio. La squadra di Matjaž Kek, che si sveglia soltanto nel finale dell’incontro, poche settimane fa qui perse con il Rudeš.
Il Rijeka si è presentato all’appuntamento in via Kranjčević dopo il successo al Maksimir con la Dinamo che, in qualche modo, avrebbe dovuto riaprire il discorso per quanto riguarda l’assegnazione del titolo. Classifica… tranquilla invece per la Lokomotiva, imbattuta da quattro giornate e nella più comoda delle situazioni per giocare a viso aperto, ovvero senza timori per la permanenza in Prima Lega e senza possibilità di raggiungere l’Europa.
Con un simile atteggiamento è anche arrivato al 13’ il gol della Lokomotiva, che poi si rivelerà decisivo. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo Knežević passa a Krstanović, che lascia sfilare il pallone per Radonjić il quale supera l’incolpevole portiere Sluga. Al 36’ altro pericolo per i fiumani: il pallone di Knežević, che attraversa l’intero specchio della porta, viene controllato da Zuta. Il Rijeka ha recriminato al 39’ per un presunto fallo di mano in area del terzino sinistro Datković, ma l’arbitro ha lasciato correre. Si è andati al riposo sull’1-0 e senza che il Rijeka sia riuscito a creare un’azione pericolosa. Dal grigiore generale si è salvato soltanto Acosty, propositivo, ma senza l’appoggio dai compagni.
Nella ripresa il tecnico del Rijeka, Matjaž Kek, ha riproposto gli stessi undici di partenza, ma purtroppo è continuato a non succedere nulla. Al 53’ esce Pavičić, che lascia il posto a Puljić, dieci minuti dopo Kvržić entra al posto di Gorgon e il Rijeka sembra dare segni di vita. Buona occasione per l’ultimo arrivato che, dopo un’azione di Čolak e Puljić, ritarda la conclusione. Lo stesso Kvržić semina il panico nell’area avversaria al 70’, ma i difensori allontanano. La pioggia nel finale ha ulteriormente ostacolato le iniziative dei fiumani. Bella punizione da 25 metri da parte di Puljić, fermata dal portiere Hendija, che poco dopo para una conclusione di Kvržić. È un assedio sterile: poche le occasioni per la squadra campione in carica. Finisce 1-0 per la Lokomotiva.

Facebook Commenti