Rijeka, le ferie sono finite

Dopo tre settimane di riposo il Rijeka si è rimesso ieri al lavoro in vista dell’inizio della nuova stagione, che per i fiumani inizierà il 17 luglio con il match casalingo di campionato con il Gorica. Nel primo allenamento agli ordini dell’allenatore Goran Tomić c’erano 27 giocatori, molti dei quali juniores. Presenti anche i neoarrivati Nediljko Labrović e Prince Ampem Obeng. Assenti giustificati invece i macedoni Darko Velkovski e Milan Ristovski, impegnati agli Europei. Una rosa molto cambiata rispetto alla scorsa stagione e che subirà ulteriori variazioni nelle prossime settimane del mercato estivo.

Foto Goran Žiković

“Le tre settimane di riposo sono volate via in un battibaleno, ma credo che ci siamo rilassati a dovere dopo una stagione piuttosto intensa – il saluto da parte di Tomić –. Come potete notare, l’ossatura della squadra è cambiata parecchio, con molti nuovo innesti, soprattutto giovani. Nelle cinque settimane che precedono l’inizio del campionato e una in più per gli impegni europei cercheremo di prepararci a dovere e farci trovare pronti. Sappiamo quali sono gli obiettivi della società, ovvero lottare per le primissime posizioni in campionato e fare quanta più strada in Conference League. Il mercato? Mi aspetto molto dai giovani, ma dobbiamo rinforzarci in alcuni ruoli, soprattutto in attacco. Comunque confido molto in Ristovski, spero che possa compiere il definitivo salto di qualità. Ogni allenatore vorrebbe avere una chiara situazione prima dell’inizio della nuova stagione, ma è praticamente impossibile. Sono perfettamente consapevole che ripartiamo quasi da zero, però fa parte del mestiere. Ho affrontato qualcosa del genere mentre allenavo la Lokomotiva”. Poi un pensiero a Ivan Mance. “Vorrei ringraziarlo per la collaborazione, il nostro rapporto era straordinario dal primo giorno. Gli auguro il meglio, così come al nuovo diesse Robert Palikuća. Abbiamo parlato un po’ sulla strategia di sviluppo e di mercato. Lavoreremo insieme per il bene del Rijeka”.

Foto Goran Žiković

Facebook Commenti