Rijeka, continua la caccia allo stopper: Karič in pole

I giocatori del Rijeka durante un allenamento a Rujevica. Foto Nel Pavletic/PIXSELL

Un corteggiamento lungo che per il Perugia è andato a buon fine: gli umbri sono riusciti ad aggiudicarsi le prestazioni dell’esperto centrale di difesa serbo Slobodan Rajković (nazionale del suo Paese), svincolato dal Palermo, una delle presunte piste del Rijeka per puntellare la retroguardia, deficitaria nel ruoli di stopper, coperto per ora solo da Velkovski ed Escoval.
Ma il Rijeka sta lavorando intensamente in questo periodo di mercato e oggi filtrano nuovi nomi per la difesa di Rožman. Uno il tecnico del Rijeka lo conosce bene: è il 21.enne Sven Karič, nazionale sloveno Under 21 e titolare nel Domžale, proprio l’ex squadra di Rožman che è anche colui che ha lanciato il calciatore. Se tanto mi dà tanto Karič, prodotto del settore giovanile del Maribor, è uno dei papabili a passare al Rijeka. Non è un carneade, in passato ha vestito la maglia dell’Under 23 del Derby County (Inghilterra, seconda divisione), giocando nei campionati minori col Braintree Town. Quest’anno Karič col Domžale conta 15 gettoni di presenza in prima squadra, siglando anche due reti. Il sito web internazionale di calciomercato Transfermarkt lo valuta attorno ai 250mila euro.
Restando in Slovenia, l’ex Juventus Mauro Camoranesi, coach del Tabor Sesana, ha portato al suo ovile il 22.enne difensore sinistro naturalizzato austriaco, ma di origini bosniache Damir Mehmedović, nato calcisticamente nel vivaio del Red Bull Salzburg.
Tornando al Rijeka, i fiumani guardano con interesse al 21.enne Branimir Kalaica (uno spilungone di 195 cm), prodotto del vivaio della Dinamo che nel luglio del 2016 si è trasferito alla seconda squadra del Benfica. Nel 2019 in 7 partite ha raccolto 630 minuti di presenza. In totale ne conta 78, più tre gol e un assist. Il valore di Kalaica si aggira sui 750mila euro.
Il nome di Zoran Arsenić 25.enne di 188 cm, è stato già abbinato al Rijeka circa un anno fa. Ex dell’Osijek nel 2017 ha iniziato la sua avventura in Polonia firmando per il Wisla Cracovia, per finire, nel gennaio del 2019, allo Jagiellonia, titolare standard nella compagine allenata dall’ex tecnico della Dinamo Ivajlo Petev. Arsenić ha collezionato 19 partite, tutte da titolare e sul web: viene valutato 600mila euro. Avendo in cassa solo i soldi di Župarić e Kvržić, il Rijeka non può permettersi follie di mercato. Le esigenze tecniche per la squadra sono chiare: la difesa va rinfoltita, magari ci vorrebbe anche un laterale sinistro. Dei tre centrali Sven Karič sembra quello che meglio si fonde con le idee del Rijeka 2019-2020 e con chi lo guida dalla stanza dei bottoni.
Intanto, continua la telenovela legata al nome di Ivan Lepinjica, il giovane mediano di talento (21) emerso durante l’era Bišćan, e ora braccato da diversi prestigiosi club europei. Dopo il Chelsea, da cui il Rijeka avrebbe rifiutato un’offerta di 4 milioni di euro, dalla Premiership anche Tottenham, Leeds e WBA (guidato dall’ex ct croato Slaven Bilić) dimostrano interesse per il calciatore. Il presidente Mišković vorrebbe incassare almeno 5 milioni di euro. C’è però il rischio che giocare al rialzo produca l’effetto contrario e cioè che col passar del tempo questo interesse concreto vada affievolendosi, Quindi…
In attacco il Rijeka è messo bene, ma sono due ex punte a far parlare di sé. In base a media elvetici Mario Gavranović, 30 anni, a caccia di un posto fisso in nazionale, per giocare di più potrebbe passare al Birmingham City, seconda divisione inglese, col quale milita già l’ex Dinamo, Ivan Šunjić. In carriera Gavranović ha vestito le maglie di Lugano, Xamax, Schalke, Mainz, Zurich, Rijeka e Dinamo. Sul mercato viene valutato attorno ai 2 milioni di euro.
Ne vale molti di più, addirittura 38, Andrej Kramarić che dal 2016 nell’Hoffenheim in Bundesliga, è diventato una star e risulta il miglior marcatore del club di tutti i tempi. Nel 2019 gli infortuni ne hanno condizionato il rendimento, ma dopo il recupero ha dimostrato di che pasta è fatto con 5 reti in otto partite, tantoché come scrivono i giornali sportivi turchi, il Fenerbahce sarebbe ben felice di vederlo nelle proprie fila.

Facebook Commenti