Rijeka. Al Maksimir una sfida… europea

I fiumani quasi al completo si apprestano ad affrontare oggi (17.30) la capolista in una gara in cui non hanno nulla da perdere. Chi affiancherà Čolak in attacco?

Antonio Mirko Čolak ha scontato il turno di squalifica e rientrerà al Maksimir

Di Coronavirus si parla anche a Rujevica dove il Rijeka calcio, tramite l’addetto stampa Marko Babić, ha annunciato che rispetterà ogni decisione della Federcalcio e del Ministero della Sanità qualora vi fossero delle esigenze particolari per la sicurezza e la salute di atleti e pubblico. Nella psicosi che si è venuta a creare, alcuni media hanno posto la questione dell’incontro al Maksimir in programma oggi alle 17.30 tra Dinamo e Rijeka.
Niente bollettino medico
“Non ho con me il foglio degli appunti – ha scherzato ieri il tecnico del Rijeka Simon Rožman –, il che significa che stanno tutti bene. Tomečak sta recuperando, Prskalo è ancora indisponibile. Dietro di noi c’è una settimana normale, di grande lavoro di preparazione per la partita al Maksimir. I ragazzi ce la stanno mettendo tutta, condizione indispensabile per giocare ad alti livelli. Non si pensa soltanto a questa o alla prossima partita, ma a fare bene tutti i giorni. Quando vieni premiato dal risultato e dagli applausi del pubblico comprendi che ne è valsa la pena. È inutile parlare della Dinamo, di quanto sia forte. Noi sappiamo di voler andare lì convinti di giocarcela. Si tratta di una bella sfida dal sapore europeo, sapendo che squadre di questo livello potremo incontrarle la prossima estate nei preliminari o nei play off per l’Europa League. La Dinamo è quindi un punto di riferimento per farci capire a che punto siamo. Abbiamo le qualità e la motivazione”.
Formazione top secret
Nelle ultime quattro gare, compresa la vittoria nella partita dei quarti di Coppa con la Dinamo, la squadra di Rožman non ha subito gol. Se vorrà combinare qualcosa anche in attacco, chi affiancherà alla punta Čolak? Andrijašević è leggermente acciaccato, mentre Gorgon non è velocissimo. “Qualunque cosa dica a tale proposito significherebbe scoprire tutte le carte. Perdonatemi, dunque, se certe cose me le tengo per me”, ha risposto Rožman. Vedremo Pires dal primo minuto? A disposizione c’è anche Yatéké. Contro la Dinamo, e lo dimostra la storia, il fattore sorpresa può essere determinante.
Capan: «Gioco dove serve»
Con il tecnico alla conferenza stampa prima del match con la Dinamo c’era Luka Capan, protagonista lo scorso turno in un ruolo che non è il suo, arretrato da mediano a stopper a causa della squalifica di Escoval. “Agli allenatori piace avere dei giocatori in grado di ricoprire ruoli diversi e io mi ci adatto. Per un giocatore, forse, è più gradito potersi affermare in un ruolo preciso, ma per me è importante essere preso in considerazione”, ha spiegato Capan che oggi, probabilmente, tornerà a centrocampo, come mediano, sapendo che non ci sarà lo squalificato Lepinjica. Contro l’Osijek, sabato scorso, nella posizione di difensore centrale ha disputato una prova impeccabile.

Facebook Commenti