Pepe Calderon: «Il tempo stringe ma ci faremo trovare pronti»

Vjeran Zganec-Rogulja/PIXSELL
Istra 1961

POLA | Dopo la presentazione dei nuovi proprietari dell’Istra 1961, il Gruppo Baskonia-Alaves, ieri a incontrare i media è stato Pepe Calderon, che ha assunto il ruolo di direttore sportivo del club polese. Calderon in passato ha avuto esperienze nel Malaga e nel Siviglia e fa parte della “rete” del gruppo spagnolo. A lui il compito di portare avanti la politica sportiva dell’Istra 1961. “Sono onorato di questo impegno e darò il mio meglio. Il tempo stringe, il campionato è finito da poco e tra meno di quattro settimane inizia un altro. Dobbiamo allestire una squadra che possa disputare un torneo dignitoso e credo che ci riusciremo”, ha detto Calderon, secondo il quale la squadra in futuro dovrà poggiare sui talenti locali.
Per arrivare a questo obiettivo serve tempo, per cui ora l’importante è avere una squadra pronta per i prossimi impegni. Attualmente sotto i comandi dell’allenatore Manolo Marquez Roca stanno lavorando 26 calciatori, 19 dei quali sono sotto contratto. I nominativi di chi è legato al club non sono stati resi noti. Calderon ha soltanto detto che prossimamente arriveranno altri cinque giocatori: un centrale difensivo, un centrocampista, due attaccanti e un’ala. Alla conferenza stampa era presente pure Davor Radmanović, l’albonese ex Rijeka, che ha fatto da interprete e al quale è stato affidato il ruolo di team manger. “Da una trentina d’anni avevo il desiderio di essere coinvolto in un progetto calcistico istriano e ora eccomi qui”, ha detto Radmanović.
Intanto, tra i 26 calciatori che si stanno allenando sotto la direzione di Manolo Marquez Roca ci sono i francesi Nicolas Senzemba (22 anni, terzino sinistro) e Martin Francois (22, centrocampista), l’albanese Eraldo Cinari (22, ala sinistra), il ghanese Regan Obeng (23, centrocampista), il macedone con passaporto croato Agron Rufati (19, stopper) e una sfilza di spagnoli: Julio Rodriguez (23, stopper), Arturo Segado (21, centrocampista), Ioritz Landeta (22, portiere), Adrian Fuentes (22, attaccante) e Dani Iglesias (22, attaccante). In rosa pure 5 calciatori dell’Istra 1961 della stagione scorsa, Goran Roce, Dejan Maksimović, Krešimir Čuljak, Marin Grujević e Vice Miljanić (i primi due hanno disputato soltanto il girone autunnale), mentre ad Andrea Ottochian è stato “consigiliato” di trovare un nuovo club. Intanto, è stato detto, può lavorare con i polesi. Tra coloro che si allenano a Medolino, sede di tutte le sedute fino all’inizio del campionato, pure i portieri Josip Čondrić e Lovro Majkić, i difensori Petar Bosančić e Petar Burić, nonché i giovani Antonio Ivančić, Martin Franić, Nikolas Blašković, Dino Radetić, Toni Burić e Haris Ramadani.
Nella rosa pure l’attaccante lituano Karolis Laukzemis, del quale si parla un gran bene, ma che purtroppo si è infortunato al ginocchio nel primo allenamento e ora si trova a Vitoria per un consulto medico.

Facebook Commenti