Mierez stende il Rijeka (1-0)

Foto: Pixsell

Prima sconfitta stagionale per il Rijeka, che nella sfida più interessante della quinta giornata di Prima Lega cede per 1-0 all’Osijek. Mattatore dell’incontro il solito Mierez. Gli slavoni salgono a 13 punti in classifica, mentre i quarnerini rimangono a 7 (con una partita in meno). Il Rijeka è sembrato meno brillante del solito, complice sicuramente anche un po’ di stanchezza e grande dispendio energetico (si giocava a +34 gradi).
Tomić, anche in ottica della trasferta di giovedì a Salonicco, prova a dosare le energie a qualche titolare. Così in difesa ci sono Velkovski e Galešić, mentre a centrocampo debutta Stanić. L’attacco, ancora orfano di Drmić, è guidato da Abass, probabilmente il giocatore più in forma di tutti. Bjelica, ormai fuori dall’Europa, manda in campo la formazione top, con Mierez il maggiore pericolo per la porta difesa da Prskalo (Labrović sempre out).
L’Osijek inizia meglio, ma il Rijeka segna per primo. All’8’ Abass batte da pochi passi Ivušić dopo una prolungata azione d’attacco, però l’arbitro Zebec annulla su segnalazione del VAR per posizione irregolare in partenza. Poi ci prova Murić da una ventina di metri, conclusione che finisce alto sopra la traversa. Con il passare dei minuti i fiumani finiscono per arretrare il baricentro e soffrire il pressing degli slavoni. L’Osijek attacca e al 17’ passa in vantaggio. Bartolec mette nei sedici metri, Mierez salta più in alto di tutti e fa secco Prskalo con un bellissimo colpo di testa. Il Rijeka reagisce e prova a sorprendere Ivušić con Abass, servito da Stanić: il portiere di casa blocca con sicurezza. Stesso esito per la conclusione di Ampem allo scadere di tempo.
La ripresa si apre con il tentativo di Stanić, al quale risponde l’ex Jugović: nulla di fatto in entrambi i casi. Qualche minuto più tardi Galešić allontana la minaccia su conclusione di Bočkaj. Il Rijeka fatica a portare serie minacce dalle parti di Ivušić (bravo comunque sul tentativo isolato di Murić), mentre allo stesso tempo Prskalo è costantemente sotto pressione. Nemmeno le sostituzioni volute da Tomić cambiano l’inerzia della partita: finisce 1-0, e per il Rijeka è una battuta d’arresto che non ci voleva proprio in vista della gara di Conference League con il Paok a Salonicco.

MARCATORE: 1-0 Mierez al 17’.
OSIJEK (3-5-2): Ivušić, Lončar, Škorić, Bralić, Bartolec (dall’84’ Miloš), Jugović (dal 76’
Nejašmić), Žaper, Kleinheisler (dal 66’ Pilj), Bočkaj, Mance (dal 66’ Bohar), Mierez (dall’84’
Hiroš). All.: Nenad Bjelica.
RIJEKA (4-3-3): Prskalo, Tomečak, Galešić (dal 61’ Vukčević), Velkovski (dal 61’ Galović), Krešić, Murić, Pavičić, Stanić (dal 71’ Liber), Ampem (dall’82’ Escoval), Abass,
Obregon (dal 71’ Bušnja). All.: Goran Tomić.
ARBITRO: Zebec di Cestica.
NOTE: stadio Gradski vrt, spettatori 2.069. Ammoniti: Vukčević.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.