L’Istra 1961 si affida ai giovani

La compagine polese si è assicurata le prestazioni del 18.enne difensore Bradarić, del 21.enne laterale macedone Antovski e del 23.enne attaccante Knežević, ex Lokomotiva

0
L’Istra 1961 si affida ai giovani
Luka Bradarić, il direttore sportivo Saša Bjelanović, Filip Antovski e Lovre Knežević. Foto: NKISTRA COM

Sono stati presentati ieri, allo stadio Aldo Drosina di Pola, i tre nuovi rinforzi dell’Istra 1961 per la prossima stagione. Si tratta di Luka Bradarić, Filip Antovski e Lovre Knežević. Si tratta di tre giocatori molto giovani e promettenti, a conferma della politica societaria adottata dal Gruppo Baskonia Alaves, proprietario del club polese. All’incontro ha preso parte anche il nuovo direttore sportivo Saša Bjelanović, il quale ha puntualizzato che la società sta facendo il massimo per rinforzare la squadra dopo le numerose partenze. Ovviamente attenendosi sempre al budget ridotto, in quanto l’Alaves è retrocesso nella Seconda Lega spagnola e come tale punta sulle giovani promesse, che nell’Istra 1961, come tra l’altro confida l’allenatore Gonzalo Garcia, avranno modo di crescere e maturare. “Il difensore Bradarić, giunto dall’Hajduk, nonostante i suoi 18 anni è da considerarsi un grande talento. Sarà molto utile alla nostra causa – ha puntualizzato Bjelanović –. Il 21.enne laterale macedone Antovski, che tra l’altro ha giocato pure in Austria, può definirsi sicuramente come un rinforzo. Lo stesso discorso vale per il 23.enne attaccante Lovre Knežević, che sinora ha militato nella Lokomotiva, nel Lučko, nell’Hrvatski Dragovoljac e nello Zadar, giocando pure in Austria, Slovenia e Bulgaria”. Stando a Bjelanović si stanno cercando tuttora dei rinforzi di peso, ovvero giocatori più esperti in grado di prendere per mano i più giovani. “Contiamo in un buon inizio del campionato – ha rilevato Bradarić –, però è chiaro che dovremo ancora oliare i meccanismi di squadra e conoscere gli schemi dell’allenatore. Probabilmente ho fatto una buona scelta nel venire a Pola, in un club che dà molto spazio ai giocatori più giovani. Per il resto, l’atmosfera negli spogliatoi è ottima, grazie anche al nostro capitato Slavko Blagojević che è una vera e propria guida”.

“L’approdo nell’Istra 1961 – ha aggiunto Knežević – rappresenta un passo avanti nella mia carriera di calciatore. L’atmosfera in seno alla squadra è davvero fenomenale. In attacco posso giocare in diversi ruoli, però preferisco quello di ala sinistra”. A sua volta Antovski si è detto molto soddisfatto di essere arrivato nelle file dei gialloverdi. “Dobbiamo ancora amalgamarci e allo stesso tempo siamo consapevoli del difficile calendario che ci aspetta all’inizio di stagione. Ad ogni modo cercheremo di dare il meglio di noi stessi”.

Tutti i diritti riservati. La riproduzione, anche parziale, è possibile soltanto dietro autorizzazione dell’editore.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display