Istra. Batosta in casa dello Slaven (3-0)

Ivan Krstanović si libera della marcatura di Josip Tomašević. Foto Vjeran Zganec Rogulja/PIXSELL

Pesante sconfitta dell’Istra 1961 in casa dello Slaven Belupo (3-0) nella 32ª giornata di campionato. Una squadra irriconoscibile, mai pervenuta, che ha disputato una partita da dimenticare quanto prima. I polesi, non si sa perché, sono scesi in campo come se non avessero più nulla da chiedere al campionato, come se fossero una squadra di centroclassifica che aspetta soltanto che si concluda il torneo per andare in vacanza. Il risultato di un simile atteggiamento è stato disastroso. Anche a Koprivnica è venuto a galla il mal di trasferta. In questa stagione i gialloverdi hanno conquistato soltanto 5 punti fuori casa. E non potrebbe essere diversamente per una compagine che nelle ultime 12 partite fuori dalle mura amiche ha segnato una sola volta. Nella prima frazione di gioco l’Istra 1961 è stato letteralmente umiliato dall’undici di Koprivnica che, tra l’altro, data la comodissima posizione di classifica, non ha sicuramente bisogno di punti. Un dato emblematico testimonia la mancata aggressività della squadra di Prelec: in 45 minuti gli ospiti hanno commesso un solo fallo.

Slaven Belupo-Istra 3-0
MARCATORI: 1-0 Zirdum al 13’, 2-0 Krstanović al 25’, 3-0 Jeffren al 27’.
SLAVEN BELUPO: Ježina, Zirdum (dal 70’ Brković), Paracki, Božić, Goda, Bačelić- Grgić, Glavičić (dal 70’ Brković), Bogojević (dall’82’ Međimorec), Lulić, Jeffren (dal 63’ Lima), Krstanović (dall’82’ Šego). All.: Tomislav Stipić.
ISTRA 1961: Duka, Grujević, Tomašević, Bosančić, Sergi, Blagojević, Močinić (dal 78’ Paez Gil), Fintić (dal 74’ Lisica), Gržan (dal 46’ Bušnja), Delić (dal 46’ Lončar), Guzina (dal 58’ Perić Komšić). All.: Ivan Prelec.
ARBITRO: Vučković di Zagabria.
NOTE: stadio Ivan Kušek Apaš, spettatori 1.000. Ammoniti: Lončar, Paez Gil.

Classifiche fornite da SofaScore LiveScore

Facebook Commenti