Istra 1961, partita da ultima spiaggia

Questa sera, venerdì 5 marzo (ore 18) la squadra di Danijel Jumić farà gli onori di casa allo Šibenik

Einar Galilea rientra dalla squalifica

Una partita da ultima spiaggia quella dell’Istra 1961, che nel 24° turno di campionato oggi al Drosina (inizio del match alle ore 18, arbitro Dario Bel di Osijek), farà gli onori di casa allo Šibenik. Il 24 febbraio scorso, negli ottavi di finale di Coppa Croazia, la compagine dalmata è stata battuto dai gialloverdi allo Šubićevac per 2-0, un risultato che fa sicuramente ben sperare per la gara di questo pomeriggio. In campionato è infatti di vitale importanza ripetere il successo ottenuto una decina di giorni fa in Coppa. La compagine allenata da Danijel Jumić è fanalino di coda nella massima serie, con all’attivo la miseria di 14 punti, cinque in meno della penultima classificata Lokomotiva, e con ben sette lunghezze di ritardo dello Slaven Belupo, che si trova in ottava posizione. Con l’acqua praticamente alla gola, l’Istra 1961 deve fare il possibile per conquistare l’intera posta in palio, altrimenti diventerà sempre più difficile sperare di poter raggiungere la salvezza.

 

 

«È obbligatorio vincere»
“Considerata l’attuale situazione in graduatoria – è stato eloquente Jumić alla vigilia dell’incontro –, è assolutamente obbligatorio vincere questa partita, importantissima per risalire la china e alimentare le speranze di salvezza. Ci siamo preparati bene, direi che siamo pronti e motivati al massimo”, suona la carica il tecnico, il quale non potrà contare sugli infortunati Perković, Tomašević e Juric. “Gonzalez è tuttora convalescente – ha proseguito –nei giorni scorsi ha iniziato ad allenarsi e lo vedo bene. Non so comunque se sarà in grado di disputare tutti i novanta minuti. Lo Šibenik? Una squadra ben organizzata e motivata, che certamente vorrà riscattarsi per l’eliminazione subita in Coppa Croazia. Conoscendo il carattere dell’allenatore Krunoslav Rendulić, sono certo che, nonostante la comoda posizione dello Šibenik in graduatoria, non avrà intenzione di farci alcun sconto. Dai miei giocatori esigo pazienza, compattezza, solidità e sopratutto una bella dose di grinta e carattere. Non vorrei esprimermi in merito all’undici iniziale, perché non è mia abitudine. Credo che possiamo centrare l’obiettivo prefissato, che è quello di vincere quest’incontro”.

Galilea rientra dalla squalifica
Dovrebbe essere della partita Einar Galilea, il quale ha scontato un turno di squalifica per somma di ammonizioni. “Non serve ripetere che si tratta di una partita molto difficile e importantissima, che va vinta a tutti i costi –, così il centrocampista arretrato, che a seconda delle necessità viene impiegato pure come difensore centrale –. Abbiamo assoluta necessità di punti per smuovere la classifica. Paradossalmente, nell’ultimo periodo giochiamo bene, però usciamo sempre sconfitti di misura. In rosa abbiamo diversi giocatori esperti, abituati a lottare per la salvezza e reggere il peso psicologico che comportano simili incontri. Sarà necessario, ovviamente, realizzare le occasioni che creiamo. Questo mese, nel quale in pratica si deciderà la nostra sorte, sarà molto impegnativo, però penso che abbiamo le qualità per centrare l’obiettivo prefissato”, ha concluso Galilea.

Facebook Commenti