Istra 1961, Jumić resta e carica la squadra

Al Drosina regna la massima confusione e domani c’è il Gorica

Taichi Hara e Hassana Bandè scalpitano per un posto da titolare in campionato

Fare l’allenatore dell’Istra 1961 non è assolutamente un mestiere semplice o facile. Lo dimostrano i continua avvicendamenti al timone della prima squadra. Se a questa tendenza si aggiunge la drammatica posizione in classifica, la situazione appare ancora più difficile. Se poi ci si mette di mezzo anche una dirigenza che non sa più che pesci pigliare, allora siamo arrivati davvero all’assurdo. Che i vertici societari stiano cercando un nuovo allenatore è cosa nota, ma farlo dopo che la squadra ha superato lo Šibenik in Coppa è francamente difficile da capire. Com’è difficile da comprendere la dichiarazione del presidente societario Branko Devide Vincenti alla Hina. “Abbiamo parlato con l’allenatore Igor Pamić, ma del suo arrivo a Pola non si farà niente. Danijel Jumić guiderà la squadra anche in futuro e ha l’appoggio della società”, ha detto il presidente. Ma come? Ammette di parlare con altri allenatori e dice che quello attuale ha la fiducia della società?

 

In questo clima d’incertezza e di scarsa fiducia, l’allenatore in carica deve preparare la trasferta in casa del Gorica, la più lieta sorpresa del torneo, che occupa il terzo posto in classifica con 29 punti in più dei gialloverdi. Con quattro punti di distacco dalla penultima i polesi devono andare a caccia della vittoria, cosa accaduta soltanto una volta a Velika Gorica nella stagione 2018/2019. Allora gli ospiti s’imposero per 2-0. Negli ultimi tempi invece tra le due squadre il segno “x” va molto di moda: è uscito per ben 5 volte negli ultimi sei incontri, compresi i due pareggi di quest’anno: 2-2 a Velika Gorica e 1-1 al Drosina.
Il recente successo in Coppa ha portato un po’ di buonumore all’interno dello spogliatoio. “Il successo colto allo Šubićevac rappresenta un’ottima iniezione di fiducia in vista della trasferta di Velika Gorica”, ha dichiarato l’allenatore Danijel Jumić, il quale ha annunciato che comunque ci saranno diversi cambi nella formazione iniziale.

Ricorderemo che a Sebenico sono scesi in campo soltanto quattro titolari, cioè Lučić, Šutalo, Navarro e Vuk. Sembra certo il ritorno in squadra dei centrocampisti Blagojević e Lončar e dell’attaccante Gržan, per il resto ci sono diversi dubbi di formazione. Non dovrebbe essere della contesa l’infortunato Sergi Gonzalez, mentre sono ancora da valutare le condizioni degli ultimi arrivati Hara e Bandé, titolari a Sebenico, e di Levitt, ancora in attesa dei primi minuti con la maglia dell’Istra 1961.

Questa l’ipotetica formazione iniziale: Lučić in porta, Hujber, Bosančić, Šutalo e Navarro in difesa, Blagojević, Lončar e Halilović (Perera) a centrocampo, Gržan, Bandè, Vuk a sostegno dell’unica punta Hara.

La partita di domani, domenica 28 febbraio, a Velika Gorica è in agenda alle ore 15 e sarà diretta da Zdenko Lovrić di Đakovo.

Facebook Commenti